Inter, la Curva Nord: Icardi non sarà mai il nostro capitano

Nuovo comunicato dei tifosi

Inter, la Curva Nord: Icardi non sarà mai il nostro capitano

18/10/2016

Icardi-Inter, caso chiuso? Nemmeno per sbaglio. Quarantotto ore abbondanti di bufera, gli striscioni di San Siro, il vertice con i massimi dirigenti nerazzurri, la retromarcia alla voce biografia con promessa di taglio delle pagine incriminate, la conferma del ruolo di capitano e, infine, il secondo comunicato comunicato della Curva Nord.

Eccolo: "Icardi non è il nostro capitano, né ora né mai". E ancora: "Non ne vogliamo più sapere nulla". Poi la chiosa: "Ma l'Inter ha bisogno di noi". Il che, in altre parole, significa che una volta chiarito l'ultima dettaglio, tolto l'ultimo sasso dalle scarpe, il tifo più caldo dei nerazzurri è pronto a tornare al fianco della squadra. Prima, però, era il caso di spiegare: "Partiamo con una puntualizzazione necessaria: in molti non hanno voluto capire il motivo della nostra presa di posizione. L’episodio della maglia regalata e da noi strappata ad un bambino -raccontato nel libro di Icardi- è frutto di fantasia. È un falso. È un’invenzione. Recepire questo concetto, nemmeno troppo difficile da verificare, avrebbe aiutato tutti. Prima ancora delle minacce di morte scritte. (che, fossimo stati noi a farle, per la buona regola del “2 pesi 2 misure”, avrebbero significato diffide e, probabilmente, una cella). Ed invece no. Ci si è incastrati in un ‘testa a testa’ Curva contro Icardi basato su altro.

Per finire poi con un classico e sempreverde ‘gli ultras sono il male del calcio’. Icardi ha chiesto scusa per aver esagerato nei toni, non per i contenuti. Icardi continua a sostenere quindi, in maniera vigliacca, la tesi di un capo Ultras che si getta su un bambino. Non ritorneremo più su questo punto. Chi vorrà quindi continuare ad utilizzare prospettive distorte e fittizie è per noi libero di farlo, consapevole però di crogiolarsi in una dimensione non appartenente alla realtà. Fascia da capitano. Per noi, come per chiunque altro (speriamo), il capitano dell’Internazionale dovrebbe essere un Simbolo. Esperienza, Carisma, Umiltà, Serietà ed Intelligenza. ...Picchi - Facchetti - Mazzola - Bergomi - Zanetti... Praticamente l’antitesi di Icardi. Il comunicato della Società Inter non può quindi trovare il nostro accordo. Lo capiamo. Nelle logiche, nelle motivazioni. Ma non possiamo accettarlo. Non siamo però noi a dover decidere. Ad ognuno il proprio ruolo. L’abbiamo sempre chiesto. Come è giusto che sia. Anche se crediamo che una Società come l’Inter, esulando dal nostro pensiero, non dovrebbe permettere ad un individuo come Icardi di indossare la fascia da capitano. Non perché lo dice la Curva, semplicemente per Etica e Rispetto. La nostra Storia, onestamente, meriterebbe qualcosa di meglio... Adesso però basta. Andiamo oltre a tutto e a tutti. E soprattutto a chi ha perso l’ennesima occasione di stare zitto. Tassativamente. Icardi è un capitolo chiuso. Non ne vogliamo più parlare ne sapere nulla.

NON E’ IL NOSTRO CAPITANO. NE' ORA, NE' MAI. La Curva farà la Curva. Come ha sempre fatto. Già a partire dalla partita di Europa League di giovedi. Prepariamo la Voce, scaldiamo il Cuore. Le mani verso il cielo, l’Inter ha bisogno di NOI".