Simone Pepe: grazie Udine, se segno non esulto. Ma noi dobbiamo provare a vincere

L'ex bianconero sulla gara di domenica

Simone Pepe: grazie Udine, se segno non esulto. Ma noi dobbiamo provare a vincere

19/10/2016

L'ex bianconero Simone Pepe ha rilasciato un'intervista a PescaraSport24 nella quale ha parlato non solo della sfida di domenica al Friuli ma anche di come vivrà personalmente la gara davanti a quello che è stato il suo pubblico nelle stagioni con la maglia dell'Udinese. Queste le sue parole: domenica potrebbe esserci la prima vittoria sul campo, ci sono i presupposti?:" speriamo, noi stiamo lavorando bene, naturalmente la Serie A sapevamo che non era facile però penso che abbiamo tutte le carte in regola per poter vincere domenica a Udine". Pepe come sta, visto che sarà un ex?:" Pepe sta un pochino meglio, ha bisogno di giocare per trovare la condizione fisica come tutti quantiperchè puoi fare tutti gli allenamenti che vuoi poi la condizione fisica te la da la partita, naturalmente il mister fa le sue scelte e bisogna rispettarle, per cui prima riesco a giocare e prima riesco a trovare la condizione". Magari da Udine(puoi trovare la condizione ndr.) visto che tu sei un ex anche importante?:" si sicuramente anche se la prima cosa importante è che la squadra possa fare risultato e che faccia i punti, poi è normale che io voglio ettermi in condizioni per dare una mano al Pescara e per essere utile alla causa". Parliamo della gara di Udine, quella bianconera è una squadra con tantissimi giovani, moltissimi stranieri, un ambiente anche abbastanza caldo con il nuovo stadio, quello di Udine, gara difficile contro una formazione che ha messo in difficoltà anche la Juventus?:" sicuramente hanno fatto una buona partita, io l'ho vista, sono una buona squadra, hanno tanti giocatori stranieri per cui comunque è un piccolo vantaggio per noi perchè secondo me per fare bene in Italia ci vuole sempre lo zoccolo di giocatori italiani, e visto che noi ne abbiamo quattro, cinque di esperienza e magari qualcuno è straniero ma è tanti anni che è in Italia possiamo sfruttare questo aspetto, comunque è una partita difficile e speriamo che il Pescara riesca a portare a casa i punti". Hai bei ricordi per quanto ti riguarda?:" beh è una città che mi ha dato veramente tanto, lì ho cominciato a giocare ad alti livelli, lì sono andato in nazionale, lì ho giocato in Coppa Uefa, insomma è una città che mi ha dato tanto, una società che mi ha dato tanto". Che accoglienza ti aspetti alla Dacia Arena?:" mah l'accoglienza che ho sempre avuto in questi anni, mi hanno sempre voluto bene e io ho ricambiato il bene impegnandomi in campo dando tutto". Se dovessi trovare il gol?:" intanto troviamolo, poi vediamo. No comunque non penso di esultare perchè l'Udinese e la Juventus sono le due squadre alle quali sono più legato". Ci sono ancora degli amici nell'Udinese attuale?:" c'è Felipe che ha giocato con me tanti anni fa, poi per il resto non c'è rimasto quasi nessuno. Nella società sì perchè sono rimasti tre, quattro dirigenti da quando c'ero io". Questo è uno scontro diretto vista la classifica e vale la politica del prima non perdere?:" sicuramente perchè giochi fuori casa contro una squadra che secondo me è una buona squadra, l'importante è non perdere ma naturalmente noi dobbiamo anche provare a vincere".