Home / L’avversario di turno / D'Aversa: dovremo cercare di portare a casa il risultato

D'Aversa: dovremo cercare di portare a casa il risultato

L'Udinese è una squadra che non dà punti di riferimento

D\u0027Aversa: dovremo cercare di portare a casa il risultato

Il tecnico del Parma Roberto D'Aversa ha appena concluso la sua conferenza stampa prepartita. Come il collega dell'Udinese, anche lui ha affrontato il tema mercato: "Non sta a me giudicare il mercato, ma devo ringraziare e fare i miei complimenti al direttore e alla società per aver allestito una squadra che può raggiungere la salvezza nonostante i problemi di questa estate. Col processo che ha rallentato un po' tutto non è stato facile lavorare: fino a una settimana fa c'era ancora il dubbio per la penalizzazione" ha detto, ripreso da parmalive.com.

Quando si potrà vedere il vero Parma 2018/2019? "Ci vorrà del tempo per essere al massimo. Ma dobbiamo abituarci, i giocatori pian piano si conosceranno e avremo il collettivo, la squadra. Quando ci sarà la condizione ottimale ci potremo anche divertire. Dobbiamo raggiungere un obiettivo importante, il più importante degli ultimi anni".

Ha già in mente l'11 che affronterà l'Udinese? Ci saranno novità rispetto alla Coppa Italia? "Può darsi che domani ci sia qualche elemento nuovo rispetto al Pisa, vedremo dopo la rifinitura di oggi. È probabile che qualche novità ci sia".

C'è qualche problema in difesa a livello di indisponibili? "Sì ma non cerchiamo alibi, in campo andranno comunque 11 giocatori. Bisogna avere una gestione oculata della rosa cercando allo stesso tempo di portare a casa dei risultati".

L'Udinese: che avversario si aspetta? "Una squadra che non dà punti di riferimento. Indipendentemente dal loro sistema di gioco, è fondamentale andare in campo per cercare di portare a casa il risultato".

Come vede questa serie A? "Per noi e per i nostri tifosi sarà diverso rispetto agli ultimi anni. Tra la Lega Pro e la Serie B la piazza era abituata abbastanza bene per quanto riguarda i risultati, anche se con qualche difficoltà come è giusto che sia. Quest'anno ci vorrà ancora più pazienza e compattezza: non siamo più tra le favorite ma tra i club che devono provare a salvarsi. Dobbiamo riuscirci per non vanificare quanto di miracoloso fatto in questi tre anni. L'errore che non dobbiamo commettere è quello di pensare ancora al passato. Pensiamo piuttosto a una squadra come l'Udinese che sotto l'aspetto tecnico e fisico ha qualità importanti".

Nella carriera i debutti sono momenti che si ricordano. Questa volta c'è il profumo della Serie A. "M'incuriosisce soprattutto la partita, dato che ci sono giocatori arrivati all'ultimo e non c'è ancora la conoscenza tra tutti i membri della rosa. Sarà sicuramente una partita emozionante e la ricorderò a lungo ma conta soprattutto portare a casa il risultato".

SUL PICCOLO SCHERMO

Blog bianconeri

Vita da Club

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Interviste esclusive