Home / L’avversario di turno / Ancelotti: Napoli è un paradiso

Ancelotti: Napoli è un paradiso

E' importante saper gestire lo stress

Ancelotti: Napoli è un paradiso

E' iniziata bene l'avventura di Ancelotti al Napoli, che al momento è secondo soltanto a una Juve inarrestabile. "A Napoli si sta da dio, questa città è un paradiso - dice il tecnico nel corso della presentazione del libro 'Demoni' di Alessandro Alciato -. I demoni ci sono nel calcio e nella vita, ma qui a Napoli no. Comunque è importante saper gestire lo stress. E' una cosa che ci accomuna tutti, ma se lo sappiamo riutilizzare può diventare energia".

Ancelotti fa riferimento alla storia di Arrigo Sacchi, che a un certo punto ha deciso di lasciare la carriera da allenatore a causa dello stress: "Era un allenatore che pretendeva molto dagli altri, ma soprattutto da se stesso. Lo stress riguarda tutti, ma dobbiamo riuscire a gestirlo. Chi lo gestisce bene lo trasforma in energia. Io ora sto bene, mi piace quello che faccio, il giorno che sentirò che lo stress non diventa gestibile lascerò. I demoni nel calcio? Per un allenatore lo può essere il calciatore egoista, poco professionale, ma adesso è abbastanza professionale, molto di più di quando giocavo io. Shevchenko aveva più bisogno di vedere le cose, anche per una questione di lingua, mentre Inzaghi era meno adatto a vederle e più a sentirle. Avevo un rapporto personale molto diverso fra l’uno e l’altro, ma erano entrambi due grandissimi calciatori".

L'allenatore del Napoli parla poi della finale persa contro il Liverpool nel 2005: "Non la considero un demone. E' l'episodio di un percorso con cose positive e negative ma se devo scegliere mi rimangono addosso le notti di Champions del 2007 e del 2003 e ho cercato di farmi rimanere poco addosso il 2005. Nel calcio spesso si dice che non bisogna festeggiare le vittorie ma pensare alla partita successiva, invece si devono festeggiare e ricordare le vittorie".

L'approccio al calcio, e alla vita, per Ancelotti è qualcosa di molto chiaro: "Se ci si crede, le difficoltà diventano un’opportunità per essere migliori. E vale anche per il mondo del calcio. Ci sono stati momenti di difficoltà ma non li ho mai considerati in maniera grave. Si è trattato semplicemente di problemi lavorativi che mi hanno fatto crescere e che, a distanza di tempo, mi hanno aiutato a capire quali siano le cose veramente importanti. Ci sono cose molto più importanti e più gravi di una sconfitta. Il calcio, e lo sport in generale, è una metafora importante della vita ma vanno messi nel posto giusto. La vita è piena di problemi molto molto più gravi di una partita di calcio. La sconfitta purtroppo ce la sentiamo addosso perché le cose negative ci restano sempre più addosso rispetto a quelle positive. La gestione di un gruppo di lavoro? E' complessa ma anche molto semplice. Devi riuscire a coinvolgere, motivare e rendere responsabili le persone. Sono passi che devi fare ogni giorno in maniera formale ma anche informale. La relazione e la comunicazione tra le persone è di fondamentale importanza per far rendere al meglio le qualità della persona. Io non posso e non voglio controllare tutto. Delego molto alle persone che lavorano con me e sono consapevole di avere persone di qualità. In questo contesto la persona può avere tante difficoltà. Quando non c’è solo il rapporto lavorativo le persone rendono di più".

SUL PICCOLO SCHERMO

Blog bianconeri

Vita da Club

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio