Home / Interviste esclusive / Talotti: ora Oddo dovrebbe trovare una collocazione tattica a De Paul

Talotti: ora Oddo dovrebbe trovare una collocazione tattica a De Paul

L'Udinese corre di più, questo è un buon segnale

Talotti: ora Oddo dovrebbe trovare una collocazione tattica a De Paul

Ospite dell'Udinese Club SGN che lo ha premiato a "Un gol per la vita" per i risultati sportivi, l'atleta friulano Alessandro Talotti si è lasciato andare a qualche considerazione sull'Udinese ai microfoni di Telefriuli. "Da tifoso dell'Udinese sono vicino a queste associazioni, anche perchè quando si tratta di fare beneficenza credo che unire lo sport a un messaggio di solidarieà è la cosa più bella che ci possa essere".

Da tifoso: Delneri e Oddo. Il cambio era ormai indispensabile? "Sì, non sarà nè il primo nè l'ultimo. Il valore tecnico di Delneri non è in discussione, ma ci sono dei cicli che vanno a concludersi. Abbiamo visto grandissimi allenatori cambiare e fare meglio in altre circostanze. Credo che Oddo abbia portato una ventata nuova all'interno dello spogliatoio. I risultati, che sembrano scontati ma non lo sono, si stanno vedendo. Questo è il bene, se pensiamo cosa è successo al Milan. A volte è necessario il rinnovamento, ma i risultati non sono scontati. Il fatto che Oddo abbia portato una idea più giovane di calcio potrebbe essere utile perchè l'Udinese faccia un campionato dignitoso perchè a mio avviso stava andando un pochino troppo male per i numeri che ci sono in campo".

Cosa può tirare fuori Oddo dai giocatori che Delneri non è riuscito ad avere? "Credo che l'aspetto motivazionale sia quello più importante. Riuscire a stimolare con nuovi programmi, nuove tattiche, nuovi schemi dei ragazzi che tutto sommato sono giovani, vengono da tutto il mondo, forse anche una generazione più vicina alla loro, che parla una lingua più vicina alla loro, consente un migliore intervento 'sulla testa'. "

A quali giocatori si affiderà di più? "Credo che debba trovare un bel gioco sulle fasce ma soprattutto deve dare una collocazione a De Paul, un ragazzo che ha fatto molto bene ma può fare ancora meglio. Ci vuole il ruolo di un fantasista che provi ad inventare qualcosa e colmi quel vuoto che la classe e la tecnica di Di Natale ha lasciato indelebile".

Ma nel 3-5-2 dove può essere collocato? "E' difficilissimo perchè se lo fai stare davanti forse si potrebbe perdere. Forse nello schema che lui ha in mente potrebbe essere un 3-5-2 che può diventare un 3-4-3, magari a rombo, un 'falso nueve' magari alla Guardiola. Io però mi occupo di più della preparazione atletica dei ragazzi e vedere una Udinese che inizia a correre di più mi fa pensare sia dovuto a un cambio di preparazione che sicuramente andava affrontato. E' difficile vedere i risultati in così poco tempo ma effettivamente lo stimolo, che è organico ma prettamente legato alla potenza, si potrebbe vedere anche in breve tempo ed è quello che forse stiamo vedendo attualmente. In poco tempo probabilmente è solo uno stimolo mentale, ma dare un certo tipo di impostazione legato più alla potenza, agli scatti, alle accelerazioni e decelerazioni può essere legato ad un certo tipo di allenamento".

Jankto e la sua voglia di Premier: "Spero lo sappiano gestire bene, Jankto è sicuramente uno degli uomini che Oddo dovrà utilizzare per rilanciare la squadra. Bisogna gestirlo nella maniera giusta, ad esempio non come è stato fatto con Scuffet. Cercando di farlo crescere, facendogli capire che la carriera che ha davanti è lunga e non si esaurisce a gennaio, si potrebbe esaurire anche alla fine della stagione e anche più avanti. Se la società avrà intenzione di puntare sul ragazzo e sulla squadra, facendogli annusare potenzialità d'Europa con qualche rinforzino tra difesa e centrocampo si potrebbe anche convincerlo, sulla base di un progetto, a rimanere. Io credo che un giocatore come, comunque se non è gennaio è la fine dell'anno, una squadra la trova senza grosse difficoltà. Sarebbe bello vedere che una volta tanto sia la situazione di un giocatore che si lega a una città, a una società: in fondo l'Udinese è da tanti anni in A e ha fatto un pochino di strada in Europa, anche in quella che conta. Penso che un po' di rispetto dei contratti per la società che ti lancia, un pochino di riconoscenza e pensare a fare bene nel club che ogni giorno ti paga potrebbe essere un messaggio positivo in una carriera che poi potrebbe essere molto lunga. E fare la figura del signore, ogni tanto, non sarebbe male".

Rinforzini a gennaio: Dove? "A centrocampo ci vuole qualcosa che faccia quadrare la situazione. E in difesa. Pirlo si è ritirato, ma se avesse fatto qualche mese con noi... scherzi a parte, serve un regista che sappia prendere palla e rilanciare, ma soprattutto dare sicurezza alla difesa, che sappia avere polmoni, un uomo grintoso. Forse non c'è n'è uno solo che raffiguri questo ruolo, quindi servirebbero un paio di rinforzi",.

La difesa come la vedi? "Nuytinck non mi aveva convinto. Sono stato sorpreso da Adnan: si vede come una persona lavorando su alcuni aspetti fisici oltre che tattici più che tecnici possa crescere. A livello tecnico non avevano visto male. Danilo è un po' altalenante, ma mi sembra che stia facendo abbastanza bene. Ci vorrebbe un rinforzino, un difensore alla Sensini, Bertotto, Calori per non andare tanto indietro a De Agostini... La difesa sarebbe bella fatta di italiani che sappiano anche legarsi al territorio. Il mio sogno sarebbe un difensore friulano. E uno Scuffet che tiri fuori qualcosa per cui valga la pena anche un domani diventare la bandiera di una squadra così: sarebbe bello vedere un blocco difensivo che possa durare da qui ai prossimi cinque o sei anni".

40 Commenti
fulviofellet

Gia' dalle prime partite di De Paul scrissi che non poteva tocacre la palla 10 volte prima di passarla ( ....come Cyril) prendendosi occhiatacce dei compagni..................pero' .........ci sara' un problema di collocazione nel 352 ........non passera' subito la palla............tutto quello che volete .........ma e' un giocatore che salta l'uomo e io di gente cosi' non me ne priverei a cuor leggero .....forza De PAul

Luganega

e quando l'avresti visto saltare l'uomo scusa?

semedela

lo ha confuso con sua moglie

fulviofellet

.......credo che qualsiasi utente del blog normodotato e con elementari conoscenze calcistiche non possa che essere d'accordo con me . Il problema è che coloro che non seguono l'ora Udinese allo stadio si affidano ai servizi della domenica sportiva dove certo non fanno vedere i singoli gesti tecnici..... C'è una unica medicina e un unico consiglio per questi denigratori.... "ANDATE A VEDERE L'UDINESE ALLO STADIO FRIULI O IN TRAFERTA SE È PIU' VICINO AL VOSTRO DOMICILIO"...imparare dai tifosi del PN di ieri.

pa170

ma salta l uomo dove?

Luganega

https://sport.sky.it/statistiche/calcio/serie_a/statistiche_giocatori.shtml

te non sai nemmeno di cosa parli saltare l'uomo per poi perderla serve zero altro che ci capisci ...un bel bagnetto di umiltà non ti farebbe male

54 palle perse
40 cross sbagliati
e non infierisco perchè è uno che si impegna ..ma questo non vuol dire che debba per forza essere un fenomeno...

miraccomando censurate anche questo messaggio .

pa170

ma salta l uomo dove.....hai bevuto l amaretto di saronno?

Luganega

nulla contro De Paul ,ma leggere certe panzanate e' assurdo

15 presenze
22 dribling riusciti
54 palle perse
40 cross sbagliati....
fatti due conti ...perché i numeri parlano chiaro

semedela

e tu? quando metterai finalmente piede al Friuli?

Draug

Ad oggi dati alla mano è il giocatore dell'Udinese ad aver fatto più dribbling. 52 di cui 29 riusciti (circa 3,5 a partita, di cui 1,9 riusciti). Dopo di lui come dribbling a partita c'è il terzetto di centrocampisti Jankto, Barak e Fofana tutti e tre a 1,6 dribbling tentati a partita.

Ludwig

Chi non salta triestino É!

barpawer

Nei dati sky riportati da Luganega (che dice che Rodrigo non salta mai l'uomo emoticon ) De Paul avrebbe fatto 22 dribbling riusciti e solo 6 dribbling sbagliati: una media elevatissima!
Saprà il significato del termine dribbling? emoticon

Luganega

e gia' una media talmente elevata... 1 a partita praticamente preferisco che faccia passaggi esatti e giochi per la squadra ...visto che ben pochi punti hanno portato quei 22 dribling

barpawer

Luganega13/12/2017 ore 18:17
e quando l'avresti visto saltare l'uomo scusa?

barpawer

De Paul è al sesto posto in serie A per assist diretti che hanno portato al gol un compagno di squadra.
CANDREVA 7
PERISIC 6
LUIS ALBERTO 6
IMMOBILE 5
QUAGLIARELLA 5
DE PAUL 4
Seguono altri a 4

Ma di cosa stiamo parlando?????? emoticon

Luganega

ripeto .... se saltare l'uomo non porta a nulla ..meglio che Oddo faccia giocare chi e' piu' funzionale alla squadra ecco di cosa stiamo parlando ...ma qui te e la tiua amichetta siete famosi per fare le crociate tipo per scuffet .

pa170

il problema di de paul è che per controllare la palla ha bisogno di guardare costantemente per terra e questo non gli consente di dialogare. questo lo porta d'istinto a cercare sempre la giocata per liberarsi dell'uomo che lo marca per potersi permettere di alzare la testa quel decimo di secondo per cercare compagni liberi.... e così tende a strafare. balic invece manco guarda per terra quasi....

zinne

già... e per Balic, in molti confondono il suo giocare elementare come un qualcosa di negativo perchè è uno che non fa la giocata, invece nel suo ruolo questo giocare elementare e semplice a uno-due tocchi è lo stile del grande regista moderno che muove continuamente la palla... e chissenefrega se ogni tanto sbaglia!

semedela

hai colto perfettamente zinne. la verticalizzazione forzata non serve a nulla. e tra l'altro balic è l'unico capace di cambi gioco importanti

FedeB/N

Zinne perfettamente d'accordo. Lasciamolo giocare e questo diventa un grande.

deraltelehrer

Perché si criticava kums allora ?

zinne

Deral, gli unici che criticavano Kums erano Delneri e Bobo qui sul blog...
Anzi, io di Kums scrissi ieri un commento che lo avrei voluto vedere con Oddo che sprona i giocatori a giocare palla a terra!

fulviofellet

Niente il semelafai non si arrende nemmeno al 5 allenatore .....😵😵😵😵😵😵😵😵😵😵😵

blaso

Kums era buono infatti. Come balic solo che era molto più esperto

lex

Io non criticavo Kums, anzi.

semedela

fellet criticava kums. e dimostra di non capirci nulla ancora una volta

blaso

De Paul potrà trovare spazio in un ipotetico 3412 dietro le punte o 3421 se mai oddo deciderà modificare il 352. Mezzala forse può fare qualche spezzone ma necessiterebbe che l'altra mezzala sia uno tipo allan.
Jankto...nn gliene frega niente di legarsi al territorio, lui vede solo se stesso e la premier. Gli sta già stretta la maglia anche se ancora nn ci fa vincere partite ogni domenica come il suo connazionale barak, al momento più decisivo di lui.

SERGIO1960

Oddo ha sicuramente due grandi meriti oggi. Fa giocare i giocatori nel proprio ruolo, fa ruotare tutti (tranne Baijc e Matos. A proposito, Baijc andrà via senza che sappiamo il suo reale valore. Matos DEVE andare via. Non è da serie A, forse neanche da B). De Paul in un 3-5-2 semplicemente non può giocare. Forse, forse, in un 3-5-1-1

Razzo

Sembra il mago Casanova

Pozzoblog

De Paul deve imparare a giocare con la squadra e non da solo. Non spetta a Oddo trovare una collocazione a De Paul, ma il contrario e cioè a De Paul lavorare per integrarsi nella squadra giocando di prima per i compagni....

Luganega

esatto .... per come ha impostato la squadra Oddo o si da una svegliata o giusto si accomodi in panchina ... anche se secondo me a Milano giocheranno lui e Perica

Bintar62

Direi un po ' tutte e due le cose. Un giocatore non puo` pretendere il ruolo cucito addosso, ma non deve nemmeno snaturarsi.

AbelBalbo71

però non dimentichiamo che De Paul, con Del Neri, quando tutta la squadra rendeva poco e male, si dannava l'anima in campo correva, anche a vuoto, per 2 e l'atteggiamento in campo era quello giusto. Il problema, che tutti gli imputiamo è che deve mettersi a disposizione della squadra. Io credo che Oddo, riuscirà a farglielo comprendere e, non appena la classifica si consoliderà e darà tranquillità a tutti, vedremo schemi diversi dal 3-5-2 che permettereanno ad Oddo di inserirlo per testarne l'adattamento e il cambio.

udinista

Concordo con AbelBalbo

Omar-il-Grigio

Abel, a De Paul non si rimprovera certo mancanza di impegno.
Aldilà di un eccesso di individualismo, personalmente faccio fatica a vederlo capace di giocate determinanti. Non ha lo scatto bruciante di un Fofana per saltare l'uomo e quando tira da lontano centra regolarmente la curva. Mah!

barpawer

Concordo, De Paul ha tirato la carretta fino ad adesso e partite disastrose a differenza di altri compagni finora non ne ha fatta nemmeno una.
Il problema ora è solo a livello tattico, ma io credo che potrebbe riadattarsi anche come mezzala.

Pozzoblog

De Paul nella sua carriera non ha certo fatto grandi cose. Purtroppo non è un centrocampista perchè non alza mai la testa e non gioca di prima, non è un trequartista perchè non salta l'uomo e non è una seconda punta perchè non è uno che segna facilmente. Sull'impegno nessuno ha mai detto nulla, ci mancherebbe, ma il vero problema è capire che ruolo possa avere in una squadra. Se impara a passare la palla di prima e a collaborare con gli altri può diventare un giocatore importante, ma se continua a giocare come ha fatto fino ad ora non sarà mai un giocatore determinante. Con il Benevento quando è entrato la squadra è peggiorata....Dipende tutto da De Paul il futuro di De Paul......

Ludwig

De Paul nella gestione Gigiuti sembrava corresse x 2 perché gli altri erano fermi.

blaso

De Paul quando gioca in mezzo al campo e nn relegato sulla dx l'uomo lo salta invece. Tutti gli assist e le imbucate che ha regalato da quando è a Udine di certo nn le ha partorite con la testa bassa. A volte diventa troppo lezioso e cerca inutili tunnel e abbassa la testa vero, ma quando la alza mette il compagno in porta e questo nn lo fanno in tanti in rosa

AbelBalbo71

Rodrigo ha ancora 23 anni e ha buone doti (tecnica e personalità) che sarebbe un peccato lasciare intristire in panca o che emergano altrove. Giusto ieri, in un altra notizia, parlavamo di zoccolo duro: ecco, Rodrigo è uno che per personalità e carattere potrebbe diventarne parte. Ripeto, occorre solo un po' di tempo, che Oddo inquadri bene la rosa, cosa può fare con il buon "materiale" a disposizione per farlo rendere al meglio. Voglio aggiungere anche che se mi si chiedesse chi in futuro desidereresti che indossasse la fascia di capitano dell'Udinese, probabilmente indicherei Rodrigo De Paul.

Vita da Club

Sul piccolo schermo

Blog bianconeri

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi