Home / Interviste esclusive / Giannichedda: i tifosi stiano vicino a Oddo

Giannichedda: i tifosi stiano vicino a Oddo

L'ex centrocampista bianconero ha ritrovato il compagno di squadra alla Lazio

Giannichedda: i tifosi stiano vicino a Oddo

A volte ritornano. Magari solo di passaggio, come è accaduto ieri a Giuliano Giannichedda, che abbiamo intercettato nella sede dell'Udinese dove ha ritrovato diversi amici. Impossibile non chiedergli della sua ex squadra e in particolare del nuovo mister, che è stato suo compagno di squadra alla Lazio tra il 2002 e il 2005. 

Udinese: come la vedi adesso? Ti aspettavi il cambio allenatore? "Quando c'è un cambio allenatore ci sono tante cose che all'apparenza non vanno. Delneri stava facendo un buon lavoro, veniva da due vittorie e una sconfitta. Si era ripreso, ma probabilmente c'erano problematiche interne che noi dal di fuori non sappiamo. La società alla fine ha deciso di cambiare, si è affidata ad un giovane che tra l'altro conosco molto bene sia come ragazzo che come calciatore, visto che abbiamo giocato anche insieme. Massimo è un ragazzo in gamba, uno che ha voglia di fare: sicuramente lavorerà bene, forte dell'entusiasmo e della voglia che ha lui di tornare ad allenare in serie A. Lui è uno che propone calcio, che cerca di giocare un calcio di adesso, per cui secondo me può fare molto bene".

Si può cercare di inquadrarlo in un modulo? A Pescara ha utilizzato la difesa a 4, qui ha iniziato con quella a tre. E' uno che ci tiene molto alla tattica: cambierà ancora? "Ormai in Italia devi giocare bene tatticamente, devi avere equilibrio per fare bene. Credo che lui deciderà il modulo a seconda degli uomini che ha: deve valutare la rosa, le caratteristiche dei giocatori che ha e in base a quello scegliere il modulo. Quindi non c'entra difesa a tre o a quattro, ma come si interpreta il modulo".

Nella rosa dell'Udinese quali potrebbero essere i calciatori sui quali punta? Chi consiglieresti? "A me piace Barak, ma ho visto molto bene anche De Paul. Ci sono giovani interessanti dai quali partire. Poi c'è Danilo, che dietro è sempre una certezza. La squadra dell'Udinese è una buona squadra però bisogna trovare quell'entusiasmo che c'era prima che poi s'era perso forse, perchè l'Udinese merita di fare un campionato buono".

L'entusiasmo l'ha portato, ma è moderato, visti gli ultimi anni dell'Udinese: "Ma quello non dipende dagli allenatori o dal lavoro che si fa. Massimo, per come è, sicuramente porterà tantissimo entusiasmo. E' chiaro che quando arriva un allenatore nuovo sono tutti un po' guardinghi e non sanno ancora se e come.. Bisogna lasciarlo lavorare e la gente gli deve stare vicino. I friulani sono abituati a stare vicino agli allenatori e ai giocatori: devono continuare così".

Si avvicina il mercato di gennaio: cosa potrebbe servirgli per migliorare la squadra? "E' arrivato da troppo poco tempo. Deve prima valutare e poi con la società si siederanno e capiranno se bisogna intervenire o meno"

17 Commenti
fulviofellet

Imbarazzante.... Non attacca nemmeno il secondo palo più

fulviofellet

Belli i tifosi del Perugia..... questi hanno fame.... non come i soliti noti

fulviofellet

Appunti :
1) la presenza in campo anche oggi di widmer e balic significa che per tournover non saranno titolari nella partita ben più portante di Crotone?
2) oggi Balic non sarà coperto dai compagni (col Napoli abbiamo difeso in 11) sono curioso di vedere come si comporta

fulviofellet

......3)titolare brann lunedì??
Io credo di sapere le risposte emoticon

fulviofellet

Io alo stadio e tu? emoticon

pa170

Poi c'è Danilo, che dietro è sempre una certezza.
emoticon

fulviofellet

......diciamo che è più credibile l'opinione di un ex professionista rispetto ad uno che passa la giornata tra liquidazioni Iva ed invii telematici emoticon

pa170

mi dispiace ma io faccio cose più importanti... ahah

Omar-il-Grigio

A buon interditor poche parole.

cianfa

ma sbaglio o Giannichedda è spesso a Udine ultimamente? Stanno per affidargli qualche ruolo?

Omar-il-Grigio

Mediano.

ramirez

emoticon difficile trovare un altro mediano così. . Pinzi era anche molto valido ma si faceva spesso "cartellinare"

Omar-il-Grigio

ramirez, direi che Sensini e Allan non gli erano inferiori.

AbelBalbo71

a Giannichedda si avvicina Allan e nessun altro. È stato un guerriero, nobile ed efficace al tempo stesso.

ramirez

Con tutto il rispetto per la tua opinione, secondo me Allan non era e non è un mediano, ma una mezzala. Che poi fosse abile come pochi a recuperare palloni è un'altro discorso.. invece Sensini, sempre secondo me, ha dato il meglio di se come comandante della difesa

Colorêt

Ah, che anni!!! Che squadra! Che allenatore! Che società! Che programmazione!

tom4

Bei tempi...

Sul piccolo schermo

Conferenze stampa

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi