Home / Interviste esclusive / Giacomini: sarà una partita a scacchi

Giacomini: sarà una partita a scacchi

Il mister prima della sfida Udinese-Sampdoria

Giacomini: sarà una partita a scacchi

Delneri vuole un solo risultato contro la Sampdoria: la vittoria. Senza altre due pedine come Widmer e Perica non sarà facile, ma per sperare nel decimo posto il successo oggi è fondamentale. Mister Massimo Giacomini alla trasmissione 'Game on' su Telefriuli ha commentato: "Ancora una volta Delneri deve rivoluzionare la squadra non per tentare moduli tattici diversi ma per infortuni di giocatori: adesso anche Widmer out non è poco. Non c'è nessuno che lo possa sostituire, per Perica è diverso. Peccato in questo finale le assenze: determinano un gioco diverso rispetto a quello che la squadra aveva prodotto con i giocatori migliori. Gabriel Silva e Alì Adnan sono gli esterni: buona fortuna!"

Scelte obbligate: Delneri dà fiducia a chi scenderà in campo. "Nella fase offensiva Gabriel Silva gioca a sinistra di solito. Spero che se la cavi bene a destra, è uno che si impegna, ma è un'altra cosa rispetto alla catena Wdmer-De Paul. L'argentino è molto disciplinato, spero Gabriel Silva  faccia una buona partita. L'Udinese non parte sfavorita, anche se la Samp  è una buona squadra, gioca un 4-3-1-2 molto sfumato, che varia. Come accade nelle partite dell'Udinese con le idee tattiche di Delneri. Giampaolo ultimamente ha scelto il trequartista e le due punte, mentre Gigi vuole i due esterni con uno che ritorna".

Quali differenza tra le due squadre? "Entrambe hanno la classifica che meritano. Anche la Samp, come l'Udinese, è mancata in continuità. E la loro difesa ha alti e bassi In fase offensiva hanno giocatori molto interessanti, vedi Quagliarella che trova sempre la porta; Muriel che è rientrato la scorsa settimana; e Schick che solitamente è in grande evidenza".

Balic: Delneri non voleva farlo giocare a Crotone, poi gli è piaciuto: "E' una fortuna che gli sia venuta l'idea di metterlo dentro. Ha dimostrato personalità e cambio passo quando avanza con la palla. Intuisce la situazione tattica, sbaglia poco ed è molto coraggioso nei contrasti. Ho visto anche un paio di recuperi interessanti: ha avuto dei rilievi che vanno a favore del ragazzo. Potrà essere protagonista il prossimo anno"

Come si giocherà questa gara? "Sarà una partita a scacchi, pensata, nessuna delle due squadre vorrà sbilanciarsi. Il risultato potrà scaturire da una palla inattiva, una grande giocata di un attaccante o da un errore. Potrebbe essere una partita a singhiozzo, dove la paura di perdere potrà sopraffare la voglia di vincere. Nessuna delle due squadre andrà allo sbaraglio, sarebbe un errore".

Jankto, il ruolo. Paga la non perfetta forma di Thereau? "No, lui ha pagato anche la mancanza di un Hallfredsson che credo abbia sorpreso anche Delneri. L'islandese dà la possibilità di respirare ai due laterali nel rientrare".

SUL PICCOLO SCHERMO

Interviste esclusive

Vita da Club

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio