Home / Interviste esclusive / Giacomini: in passato si è già fermata la Juve, nulla è precluso

Giacomini: in passato si è già fermata la Juve, nulla è precluso

Loro devono vincere a tutti i costi, potrebbe essere un vantaggio per l'Udinese

Giacomini: in passato si è già fermata la Juve, nulla è precluso

Contro la Juventus, Delneri si ritrova con il punto interrogativo sulla casella del terzino destro. Sono stati convocati Stryger Larsen e Alì Adnan. Chi dei due giocherà? Mister Massimo Giacomini a 'Game on' su Telefriuli ha spiegato: "Il problema è vedere chi sta meglio fisicamente; sotto questo punto di vista  credo che quello che sta meglio sia Alì Adnan che nelle sue tre ultime apparizioni, quando è entrato ha sbagliato niente, si è dimostrato molto attento anche nella fase difensiva. Larsen viene da uno stiramento, non credo sia in forma ottimale. Il giocatore che dà più garanzie è quello che ha anche dimostrato più voglia di giocare".

La Juventus ha bisogno di fare punti in campionato: "Ha qualche problema, il distacco dal Napoli non era prevedibile, anche se la loro campagna acquisti non mi ha convinto. Bernardeschi non serviva, hanno preso giocatori in più di contorno mentre mancano i difensori. Lì hanno sempre qualche problema, anche per l'età di alcuni: l'unico che è rimasto identico è Chiellini. Alex Sandro ha qualità. Con Higuain e Dybala possono cambiare l'inerzia della partita, cosa che noi non abbiamo. Dovremo fare una gara di alto livello, non fisico, ma sotto l'aspetto tecnico tattico. Una partita disciplinata tatticamente e con grande attenzione, con ripartenze puntuali e precise per sorprendere una retroguardia più  perforabile rispetto all'anno scorso. Poi si gioca undici contro undici ed è già successo che abbiamo pareggiato con Stramaccioni quando Allan e Piris hanno marcato a uomo Pogba e Tevez: cose che si possono cercare di ripetere. E comunque è questione di atteggiamenti, non di moduli".

In mezzo si è recuperato Behrami ma giocherà Hallfredsson. Può essere più utile contro la Juventus? "In mezzo ci serve un giocatore che dia un po' di ordine: nessuno dei due citati è l'ideale per questo. L'altro anno Hallfredsson aveva dato ordine alla squadra. Lo stesso Behrami ha dimostrato di essere validissimo nel faro lo schermo difensivo e dare un po' di ordine ai due centrocampisti laterali e ai due esterni. Senza essere il suo ruolo, Behrami dovrebbe giocare nei due con un costruttore di gioco a fianco. Hallfredsson cerca di sbagliare il meno possibile". 

Fofana è discontinuo? "L'ho visto giocare bene quando entra dopo. E' come se si sentisse meno responsabilizzato entrando a gara in corso. Altrimenti non mette in mostra le sue qualità. Quando entra in corsa è determinante per cambiare l'inerzia della gara. Forse è pronto per tornare ad essere quello dell'altro anno. Penso sia un discorso psicologico per lui. Barak invece è più pronto. E' in difficoltà se fa il centrale, ma se fa il laterale di destra anche se mancino ha Jankto dall'altra parte (giocatore troppo generoso) e c'è equilibrio. Penso che questa sia la partita della vita, è importantissimo riuscire a fermare la Juventus. Non è precluso niente, visto che la Juventus dovrà vincere a tutti i costi e questo potrebbe essere un vantaggio per l'Udinese".

SUL PICCOLO SCHERMO

Interviste esclusive

Vita da Club

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio