Home / Interviste esclusive / Giacomini: giusto rinviare la gara

Giacomini: giusto rinviare la gara

Bravo Delneri ad accantonare Nuytinck

Giacomini: giusto rinviare la gara

Lazio-Udinese è stata rinviata, ma gli argomenti di discussione comunque non mancano. Nel suo intervento settimanale a 'Bianconero' su Telefriuli, mister Massimo Giacomini attacca immediatamente sul rinvio della gara: "Non si poteva giocare. Non cambia molto. Cause di forze maggiori, non era possibile giocare. Bisogna salvaguardare da regolamento la salute dei giocatori. La palla non rimbalzava da nessuna parte: Banti ha rispettato il regolamento. Si va al 24 di gennaio, non si sa chi giocherà. Comunque la differenza tecnica contro la Lazio è evidente, ma nel calcio non si può mai dare niente per scontato. Avrei voluto vedere il gioco, non c'è stato, quindi non c'è nulla da commentare. La bocciatura di Nuytinck? Finalmente! E' dall'inizio che dico che gioca per conto suo, non chiude mai sugli esterni e mette in imbarazzo i compagni".

Balic: tanto atteso dopo le critiche per quei minuti finali nella gara contro la Sampdoria: "Doveva approfittare meglio di quei 20 minuti con la Sampdoria. Deve capire che bisogna approfittare delle occasioni: altri che sono entrati lo hanno fatto. Lui non è un bambino, è due anni che è qua. Forse è un po' duro di comprendonio. Sono rimasto molto male a vederlo in quei 15 minuti: sembrava una gatta morta. Mi aspettavo che fosse maturato, ma non ha capito che doveva approfittare dell'occasione. Deve mettersi al servizio, la lingua un po' frenata..."

Solo rinviato il suo utilizzo? "No. In mezzo al campo sono pochi, è davanti che sono in tanti, inutili...Infatti finora hanno segnato di più i centrocampisti. Se invece di sette punte ne prende quattro, ma più forti...Soprattutto se poi si gioca con una e mezza".

Ciciretti? "Bisognava prenderlo prima, quando costava zero. Adesso se lo vuole anche la Sampdoria, lui va sicuramente là".

In avanti a Roma avrebbe giocato Perica: "Lui giocava con Perica perchè la difesa della Lazio è a tre e lui cercava l'uno contro uno con il croato. La nostra squadra manca di tecnica, perciò deve sopperire con il fisico e la tattica".

Nicola potrebbe essere un allenatore da Udinese? "Perchè deve andare via Delneri? Nicola è un buon profilo, ha fatto la sua gavetta, le esperienze al sud sono di importanza capitale".

Balic non ha avuto le stesse opportunità di altri a Udine? "Vero. E' un '97, ha davanti 18 anni di carriera, basta che lo voglia lui. Se si deve salvare la squadra, non si possono fare esperimenti continuamente. Altri hanno dimostrato maggiore maturità di lui. Lui ha 20 anni, è il più piccolo. Non è stato solo Delneri a non vederlo. Nel precampionato ha giocato sempre, ma evidentemente non ha soddisfatto Delneri".

Rossitto dice che questa Udinese è la più forte degli ultimi 5 anni: "E' un ottimista, un simpatico ragazzo".

La classifica rispecchia quello che è il valore della rosa dell'Udinese: da tredicesimo posto: "Con questo tipo di squadra se va bene facciamo il decimo posto. Se va normale il tredicesimo. Se va male il quindicesimo".

SUL PICCOLO SCHERMO

Blog bianconeri

Vita da Club

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Interviste esclusive