Home / Interviste esclusive / Giacomini: adesso bisogna modificare la squadra

Giacomini: adesso bisogna modificare la squadra

Altrimenti i giocatori iniziano a 'sedersi'

Giacomini: adesso bisogna modificare la squadra

Mister Massimo Giacomini a 'Bianconero' su Telefriuli ha commentato la sconfitta con l'Inter : "la brutta fine di stagione era prevedibile perchè all'Udinese di quest'anno se mancano quattro titolari non ci sono le riserve all'altezza. La squadra cambia senza i giocatori titolari. 

Comunque la gara di Milano è stata figlia di quella contro la Sampdoria per tutto ciò che è successo e perchè l'Udinese si è presentata a San Siro senza giocatori importanti come De Paul espulso ingiustamente. 

Evangelista ha fatto vedere buone cose davanti alla platea di San Siro. Può essere un primo rincalzo di valore. Balic è più bravo a creare gioco rispetto ad Evangelista. A San Siro Balic ha fatto un gol straordinario perchè ha voluto mettere il pallone dove lo ha messo. Se succede questo vuol dire che è di una tecnica sopra la media. A Milano abbiamo commesso l'errore di andare avanti per recuperare subito il risultato esponendoci al contropiede dell'Inter. Ci è mancata la disciplina tattica soprattutto nei difensori. I giocatori hanno giocato in modo contrario a quanto vuole Delneri. I difensori sono stati drammatici. Delneri ha iniziato con il 4-4-2 poi è passato al 4-3-3. L'infortunio di Heurtaux è da considerare per il fatto che il giocatore si infortuna facilmente e quindi Delneri non lo ha potuto schierare tanto per l'intera stagione. Sicuramente per il prossimo anno l'Udinese deve iniziare a ricostruirsi dalla difesa. 

Widmer non può rimanere sempre una promessa. In un anno non è riuscito a togliersi i difetti della scorsa stagione. Sul mercato non ha richieste e forse potrà essere una pedina di scambio. Per quanto riguarda Danilo, nella seconda metà di stagione è migliorato dopo l'episodio della discussione con Lodi. Lui ha avuto difficoltà quando doveva giocare sul centro sinistra poi quando è ritornato sul centro destra è migliorato. 

Per quanto riguarda i numeri è stata la miglior annata dell'Udinese, neanche l'ultimo Guidolin aveva fatto meglio.

Lasagna ha segnato 12-13 gol in serie B facendo anche tanta panchina, quindi deve dimostrare. A Udine abbiamo avuto Di Natale che è stato il miglior attaccante del dopoguerra. Zapata con i difetti che ha almeno combatte e guadagna delle situazioni importanti per la squadra anche se tecnicamente deve migliorare. 

La squadra deve essere modificata per la prossima stagione se vogliamo fare più punti perchè se le squadre sono sempre le stesse poi i giocatori iniziano a sedersi. Sicuramente noi abbiamo problemi in tutti i reparti".

SUL PICCOLO SCHERMO

Interviste esclusive

Vita da Club

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio