Home / Interviste esclusive / Giacomini: Sarà quella con l'Empoli la gara più difficile

Giacomini: Sarà quella con l'Empoli la gara più difficile

A gennaio quattro punti sono fattibili

Giacomini: Sarà quella con l'Empoli la gara più difficile

L'Udinese arriva alla prova Inter con il dovuto rispetto, ma anche con la certezza di poter fare punti. Lo si è capito dalle parole di Delneri in conferenza stampa e mister Massimo Giacomini concorda. A 'Game on' su Telefriuli ha affermato: "E' una partita sicuramente aperta ai tre risultati. L'Inter è in crescita anche sotto l'aspetto morale, i giocatori sono molto convinti. Bisogna vedere il rendimento dei balcanici Perisic e Brozovic: se sono in giornata la questione è piuttosto pesante. Vediamo Kondogbia, uno che ha possibilità ma non ha dato risultati; ci sono i due italiani D'Ambrosio e Anselmi sulle fasce; poi la coppia di centrali Miranda e Murillo che si è persa un po'. Ma è una squadra molto pericolosa con Candreva e Icardi".

L'Inter trova un altro clima rispetto a Marbella: potrà essere condizionato da questo? "Può essere un discorso favorevole: se ha lavorato in un clima che ti ha affaticato di più, in un clima come questo che stimola dovrebbe avere un buon risultato. Ma anche chi si è allenato a queste latitudini può aver fatto buoni allenamenti. Dovremo stare attenti alla sosta: dopo la nazionale non eravamo ripartiti bene: si era persa una certa aggressività, un certo passo. Spero che questo non accada, perchè che l'Inter imposti la partita in un modo molto aggressivo".

Hallfredsson e Thereau: quanto è importante il loro recupero? "Credo che partirà sicuramente con Thereau mentre Hallfredsson credo entrerà dopo. Hanno avuto due infortuni completamente diversi. Thereau se entra dopo, può darsi anche che debba uscire; invece entrando dopo Hallfredsson non dovrebbe uscire, visto che un problema diverso. Credo che Delneri userà il solito metodo: quindi dovrebbe giocare Jankto e vedo favorito De Paul su Matos che potrebbe dargli il cambio creando la situazione migliore".

C'è anche Ewandro che scalpita per un posto: "Dovrà iniziare a giocare degli spezzoni di partita, continuare a mostrare le sue capacità che sembra siano molto interessanti. Non può portare via il posto a Zapata ma si può pensare a utilizzare una doppia punta con lui e il colombiano, arretrando Thereau. La doppia punta con Zapata e Perica è che sono giocatori troppo simili e diventa difficile trovare situazioni di 'accompagnamento'. Dietro alla prima punta Ewandro sarebbe meglio che esterno, perchè sa muoversi molto bene centralmente. Non lo vedo bene sull'esterno: potrebbe essere la punta di supporto a Zapata".

Balic bloccato dall'influenza stavolta. Quando potrà entrare? "Ha fatto bene in Primavera, ma è un campionato più semplice. Lui deve migliorare in alcune cose. Dipende da lui. La A è un campionato difficile, in cui c'è sempre qualche squadra che può risorgere, ma credo che l'Udinese possa mantenere la continuità confortante portata da Delneri".

A gennaio tre big al 'Friuli', ma per Delneri sarà quella di Empoli la gara più difficile: "Sì, perchè lì dovrà fare risultato. Le altre gare danno comunque stimoli. Se l'Udinese riesce a fare la partita, ci sta che possa ottenere un risultato positivo che in questi casi è anche un pareggio".

Delneri conta sul feeling con il Friuli affinchè lo stadio faccia la sua parte: "C'è un grande tifo qui, non mollano mai dall'inizio alla fine. Bisogna dirlo che il pubblico è sempre stato esemplare, non ha mai mollato nel sostegno alla squadra. Ad esempio anche con De Paul, quando Delneri lo ha tolto, è uscito tra gli applausi. C'è stata una evoluzione in questo senso ed è una cosa confortante. Il pubblico risponde con grande energia, la curva non si limita solo a urlare nelle situazioni di gioco, ma canta e tifa costantemente. Non è mai silienziosa, trascina anche il pubblico".

Quanti punti potrà fare l'Udinese a gennaio? "Quattro punti sarebbero buoni. Si potrebbe battere una delle tre big. La Roma è cambiata, manca Salah, non è poco. Lui rompeva sempre il ritmo. Io credo che si potrebbe battere il Milan. Temo un po' più l'Inter, meno logica come squadra. Non la conosciamo ancora. Il Milan ha una logica di un certo tipo e può essere affrontata con disciplina tattica: sono abbastanza fiducioso, comunque"

Articoli correlati
10 Commenti
fulviofellet

est.189607/01/2017 ore 17:30

Grazie al cielo ci sono Gigi e tre squadre vergognosissime là in fondo. La rosa è squallida, incompleta, costruita male, fatta solo in ottica plusvalenze da portare .. .... ; per Gino, in quanto tifoso di Juventus e Watford, ovviamente "siamo a posto così".... Ma quando te ne andrai?!?!?

fulviofellet

Secondo voi per chi tifera' oggi suovestest????

fulviofellet

est.189612/08/2016 ore 12:50
Gran acquisto. Con Candreva Banega e questo più De Boer speriamo nel miracolo anti Juve .... Ma dubito....

selmosson

mandi, se l'inter fosse andato a dubai a 40 gradi condivido il discorso del dispen*** di energia , ma è andato in spagna a 20 gradi ... penso che chi si è preparato qui con questo freddo sia avvantaggiato , anche come orario di allenamento .. il saggio delneri lo ha fatto volutamente .. emoticon

carlodeimaltesi

con i tifosi interisti seduti ovunque tra noi abbonati ,l'inter giocherà in casa... assurdo tutto questo..

Kos

Anselmi anzichè Ansaldi è argentino, non italiano.
Quando siamo rientrati dalla sosta (riferito a TORINO ?), mi sembra abbiamo fatto una buona gara...

zanetti*

VINCERE E VINCEREMO FORZA GIGI FORZA UDINESE !!!

Blog bianconeri

Primavera e giovanili

I cugini di Gran Bretagna

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori