Home / Interviste esclusive / Delneri: due portieri titolari sono troppi

Delneri: due portieri titolari sono troppi

Uno finisce per essere sacrificato

Delneri: due portieri titolari sono troppi

Mister Delneri ha toccato con mano il grande affetto che c'è nei suoi confronti anche dai tifosi della Destra Tagliamento, riuniti ieri a Fanna di Maniago. La domanda che tutti hanno rivolto al mister è stata una sola: "Quando firma il nuovo contratto?" Qualcuno ha scherzosamente anticipato la società, sottoponendo un accordo fino al 2018 al mister. Lui, a Telefriuli, ha ribadito: "L'ho sempre detto, non è un problema quello del contratto. Contiamo di poter continuare tutti assieme. C'è grande affetto da parte del pubblico, che è importante.

Reja ha messo in guardia, nel caso in cui le arrivasse una offerta migliore. "No. C'è un grande rapporto con la società e l'ambiente stesso, con cui c'è sintonia di valori. Sono il sesto allenatore friulano in 120 anni, spero che questo continui. Stiamo lavorando per continuare, quindi penso che le cose dovrebbero andare per il verso giusto".

Da friulano spera in addirittura altri due friulani in squadra, tipo Scuffet e Meret? "Meret è un giocatore dell'Udinese".

Ma il mercato si occupa molto di lui: "Il mercato si occupa di parecchi, a dire la verità. Non vorrei me li portassero via tutti, altrimenti sarebbe un problema per noi continuare il prossimo anno".

Quanto fastidio le danno le voci di mercato?"Penso che facciano bene ai giocatori, perchè li motivano a dare sempre di più. Sanno che sono migliorati molto".

Non sono una distrazione? "No, perchè qui vige una regola: sanno che se rendono di meno, non giocano anche se sono sul mercato. Sanno che devono dare sempre il massimo, anche per tenere desto l'interesse delle altre squadre e questo motiva molto. Non è il mercato di gennaio, aperto, in cui c'è la voglia di cambiare squadra. Qui si giocherà fino a fine maggio, poi la società farà le sue valutazioni in caso di offerte importanti ma sono convinto che non smantelleranno quello che di buono abbiamo. Parlano di Meret, che tornerà dal prestito e poi si vedrà. Ovviamente due titolari, tra i portieri, non si possono tenere. Quindi sarà un titolare importante e poi vedremo cosa succede. Quest'anno abbiamo due titolari importanti, Karnezis e Scuffet. Uno è penalizzato perchè l'altro ha più esperienza. Questo secondo me ha tolto un po' a Scuffet, ma gli ha anche dato modo di crescere e migliorarsi, ha saputo approfittare dell'occasione giusta. Io non ho lasciato fuori Karnezis per demeriti e Scuffet lo ha capito. Il suo futuro è roseo, che sia a Udine o da altre parti".

Chiederà alla società di avere la squadra definita per il ritiro? "Tutti vogliono migliorare la squadra. Stiamo già lavorando. Non è facile prendere giocatori, ma ci stiamo già lavorando per un discorso di affidabilità dall'inizio. Abbiamo le idee chiare".

Anche per il ritiro? "Una settimana di ritiro a Udine è perchè arriveranno in tanti e si definirà la rosa. Poi andremo su a far un ritiro di conoscenza, per amalgamare i giocatori. Ovviamente cercando di non andare in 60!"

Sabato il Napoli. Quanta paura fa? "Noi segniamo comunque abbastanza. In difesa manca Samir? Ci sarà un altro. Io confido nella squadra, più che nel singolo. Ho fiducia in tutti i miei giocatori, a mani basse. Quando ho fatto giocare Scuffet, sapevo che poteva darmi molto, non è stato certo il gol preso a Pescara che poteva farmi cambiare idea".

Gabriel Silva è uno dei candidati a sostituire Samir? "E' uno dei tanti. Ci sono lui, Felipe, Alì. Non ho ancora deciso, aspetto l'ultimo momento. Una idea potrei anche averla, ma voglio tenere i giocatori motivati a conquistarsi il posto in tutte le situazioni di campo: quelle che decideranno chi avrà il posto in squadra sabato".

Adesso davanti c'è il Napoli. Pensa sia possibile tentare di fare risultato là? "Al San Paolo è complicato, ma si va sempre in campo per vincere. Il Napoli è una signora squadra e se gioca in velocità fa male, ma noi abbiamo tante situazioni interessanti: una è che possiamo giocare in libertà, non avendo obiettivi da raggiungere. Ma andiamo con la voglia di far bene"

9 Commenti
Pestefruce

Si chiama Friuli Occidentale, non D.T.

Firenze

Gigi se non stai attento te li vendono tutti!

fuarcesimpriUdin

sono d'accordo con lui, secondo il mio modesto parere meret è pronto a giocare come titolare nell'udinese, invece scuffet dovrebbe fare un anno in B con una squadra di rango me*** alto

tommy pan

tutte parole misurate a parte "ci sono lui,Felipe.Ali"...noooooooo!!!Ali al posto di Samir noooooooo!!!mettetelo esterno di centrocampo o in attacco,basta che non stia in difesa!!!!emoticon

tiempo11

Parole misurate che sanno di melina, aspetta le mosse del ghino, fino a che ci mette la firmetta rimane tutto in alto mare; chiaro che dice stiamo lavorando, fino a giugno è l'allenatore dell'Udinese, avesse detto STANNO lavorando avrebbe ro capito tutti.

AbelBalbo71

Parole misurate, saggie. Bravo in panchina e fuori

furlan2

Ci stiamo già lavorando vuol dire che lui è parte attiva della programmazione
Non avrebbe senso senza di lui al timone

selmosson

mandi, come pensavo sono già daccordo ... delneri e bonato , come scrivevo , stanno visionando al video i giocatori che rientreranno per vedere se possono essere utili alla causa e non trovarsi completi sconosciuti da valutare in pochi giorni ... mi sembrava strano ... emoticon

Omar-il-Grigio

In ogni partita di calcio ci sono due portieri titolari.

Conferenze stampa

Vita da Club

Primavera e giovanili

I cugini di Gran Bretagna

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Altri mondi

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori