Home / Interviste esclusive / Bonato: è difficile, ma dovremo cercare di portare a Udine giocatori italiani

Bonato: è difficile, ma dovremo cercare di portare a Udine giocatori italiani

Il Ds bianconero a Telefriuli

Bonato: è difficile, ma dovremo cercare di portare a Udine giocatori italiani

Al tradizionale appuntamento per gli auguri bianconeri, era presente anche il Ds Nereo Bonato il quale, con Francesca Spangaro per Telefriuli, ha parlato delle idee di mercato dell'Udinese: "Capiremo se il mercato ci offrirà qualche opportunità perchè, con le rose ristrette non è semplice".

La situazione di Zapata: sareste interessati a fare pressing per farlo rimanere a Udine a fine stagione? "La sua situazione andrà monitorata. Il suo non è un problema attuale. Duvan nel suo percorso non aveva mai fatto un anno da protagonista. E' il primo anno che ha veramente continuità, quindi tuti lo devono vivere in tal senso cercando di capire quello che, strada facendo, verrà fuori".

Quel'è il giocatore italiano che le piace? "Di profili ce ne sono tantissimi. Sicuramente c'è volontà da parte di tutte le società di avere una impronta italiana. A parte il Sassuolo, anche Atalanta e Torino stanno cercando di creare un nucleo di italiani giovani. Questo è un ostacolo per quello che vuole fare l'Udinese perchè quando vai su determinati profili hai tanta concorrenza e questo aumenta il valore dei giocatori e le difficoltà per portarli a casa, però noi dovremo essere bravi ad anticipare queste situazioni per poter portare all'interno del nostro organico dei profili italiani per implementare la rosa".

Articoli correlati
40 Commenti
zebro

Per avere buoni italiani in squadra non è necessario comprarli e spendere milionate, basterebbe avere un settore giovanile stile roma o atalanta e gradualmente si inseriscono i giovani come si è fatto con scuffet e come si sta facendo con coppolaro, meret e pontisso....se poi si vuole comprare, anche in lega pro ci sono ottimi talenti....bertotto e iaquinta x esempio li avevamo presi per 4 lire....

Colorêt

Tutto giusto ma le due cose più importanti sono:
1. Abbandonare definitivamente la strategia dello svincolato in cerca di riscatto
2. Abbandonare definitivamente la strategia della probabile plusvalenza di 0,5 MEUR

zebro

però con Felipe ha funzionato la tattica dello svincolato in cerca di riscatto emoticon

lex

Poco importa se non sono italiani. Ma siccome l'Italia da sempre produce calciatori di buon livello non capisco perché l'udinese che ha una rete di scouting mondiale invece non ha dei scouts qui in Italia dove per vedersi una partita qualsiasi basterebbe viaggiare in auto o magari in treno per risparmiare qualche spicciolo. Boh.
Che l'italiano costa di più come ha spiegato gallina è una balla colossale. Che l'italiano ha meno talento è un altra balla colossale. Che pretende di più anche. Direi addirittura che grazie ai calciatori italiani che negli ultimi due, tre anni ritrovano più spazio nelle rispettive squadre, la qualità del nostro campionato aumenta e che lentamente risaliamo anche in Europa.
Detto questo, l'udinese può anche giocare sempre con undici stranieri ma cazzo basta con stranieri me***cri. Niente contro i vari ali adnan, kone, armero, heurtaux e tutti i scarponi stranieri passati per udine. Capita di scegliere male ma penso che per tutti società e tifosi sarebbe meglio se i futuri me***cri e scarponi saranno italiani. Quanto mi manca pasquale...

gallina

bravo lex...
e aggiungo...che anche se non era cabrini...pasquale ha sempre dato tutto per la maglia....e questo fattore a volte diventa fondamentale...
ricordo ancora il gran gol che segno a liverpool.....
per dire come e quanto ci si affeziona ad i nostri giocatori ...che hanno rispettato ...e anche amata...la maglia
cosa che raramente accade con i giocatori stranieri

pa170

prendi gallina come collaboratore che te li tira fuori i giovani........

gallina

pa ti ringrazio..ma io sono un tifoso...amatore..che si diverte a seguire i nostri giovani...l'udinese ha ottimi professionisti..che scoverebbero giovani di sicuro valore..se la filosofia socetaria glielo permettesse...
adesso spero che queste parole di bonato..siano un sintomo di cambiamento...e si ricominci ad investire anche su giovani italiani...

pa170

hai dimostrato conoscenze e buon occhio, per cui la stima è ben riposta
è qualche mese che fa questi discorsi, magari si sta impegnando più per il settore giovanile dove con un budget inferiore forse si può ottenere qualcosa

pa170

li vedo interessati per seguire le nuove regole sulle rose. ma non più di questo per il momento

lex

Se ti diverti a seguire giovani italiani lo dovresti fare come professione. La passione paga.

gallina

lex...mi piacerebbe...ma ce gente tanta gente piu brava e preparata di me...
di certo se mai mi capitasse...prima di scegliere chiederei consiglio a tutti voi...

selmosson

mandi, io comincerei a portare a casa qualcuno che è in giro ..anche se non sono ancora pronti .. si faranno qui, magari pagando un po come risultati .. altrimenti avere un vivaio non serve a niente .. bisogna rischiare come hanno fatto le altre squadre pagando per qualche anno in risultati . vedi toro, atalanta e sassuolo , loro li hanno promossi dalla primavera .... non si puo' avere la botte piena e la moglie ubriaca .. emoticon

Alexis7

Mandi Selmosson il ragione di base potrebbe essere corretto, tuttavia mi permetta un appunto:
-i vari Conti, Gagliardini e Caldara è vero che vengono dal vivaio atalantino, ma tutti e 3 hanno fatto dai 2 ai 3 anni fuori in serie B.

Axl Foolie

Se fossi stato allo StaDio oggi o cmq ti fossi visto la partita in tv, capiresti perché la tua teoria, caro raggio di luna, è TOTALMENTE inapplicabile. emoticon

Blog bianconeri

Primavera e giovanili

I cugini di Gran Bretagna

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori