Home / Internazionali / I 20 patron più ricchi dello sport: il proprietario della Red Bull é quarto

I 20 patron più ricchi dello sport: il proprietario della Red Bull é quarto

Primo nel calcio

I 20 patron più ricchi dello sport: il proprietario della Red Bull é quarto

La rivista statunitense di economia e finanza Forbes ha stilato la classifica dei20 presidenti più ricchi dello sport mondiale: sono 62 i tycoon che possiedono la maggioranza o sono partner di 78 società nelle principali leghe sportive del mondo, che valgono complessivamente 322 miliardi di dollari. Presenti ben 40 squadre di calcio nei primi 144 posti: la classifica vede al primo posto Steve Ballmer, ex impiegato e ceo di Microsoft, scoperto da Bill Gates e proprietario dal 2014 dei Los Angeles Clippers, squadra di basket della Città degli Angeli: il suo patrimonio netto si aggira sui 30 miliardi di dollari, soprattutto grazie alla crescita di Microsoft.  Secondo il magnate indiano del petrolio e del gas Mukesh Ambani, uno dei fondatori della Indian Premier League di cricket e padrone dei Mumbai Indians: il suo patrimonio si aggira attorno ai 23,4 miliardi di euro.  Al terzo posto un altro ex Microsoft, Paul Allen, co-fondatore dell’azienda insieme a Bill Gates: con un patrimonio da 19,9 miliardi di dollari è azionista di maggioranza dei Seattle Seahawks in NFL  e dei Portland Trail Blazers in NBA.
Per quanto riguarda il calcio, il primo in classifica si trova al quarto posto: si tratta di Dietrich Mateschitz, patron della Red Bull e proprietario dei New York Red Bulls. Segue Philip Anschutz, proprietario dei Los Angeles Galaxy, altra squadra militante in MLS. Al settimo posto il primo presidente europeo, RomanAbrahmovic del Chelsea, all'undicesimo Stanley Kroenke, che possiede delle quote dell'ArsenalAl tredicesimo posto la grande sorpresa, il primo italiano in lista: si tratta del presidente del Milan, Silvio Berlusconi, che, aspettando novità sul fronte closing con la cordata cinese di Sino-Europe Sports, ha un patrimonio stimato da Forbes attorno ai 7 miliardi di dollari.

1) Steve Ballmer (Los Angeles Clippers) - basket
2) Mukesh Ambani (Mumbai Indians) - cricket
3) Paul Allen  (Seattle Seahawks e Portland Trail Blazers) - football americano e basket
4) Dietrich Mateschitz  (New York Red Bulls, Red Bull Racing, Scuderia Toro Rosso) - calcio e Formula 1
5) Philip Anschutz (Los Angeles Kings, LA Galaxy) - hockey e calcio
6) Hasso Plattner e famiglia (San Jose Sharks) - hockey
7) Roman Abramovich (Chelsea) - calcio
8) Mikhail Prokhorov (Brooklyn Nets) - basket
9) Shahid Khan (Jacksonville Jaguars) - football americano
10) Micky Arison (Miami Heat) - basket 
11) Stanley Kroenke (Los Angeles Rams, Arsenal, Denver Nuggets, Colorado Avalanche) - football americano, calcio, basket, hockey
12) Stephen Ross (Miami Dolphins) - football americano
13) Silvio Berlusconi e famiglia (Milan) - calcio
14) Marian Ilitch e famiglia (Detroit Red Wings, Detroit Tigers) - hockey, baseball
15) Daniel Gilbert (Cleveland Cavaliers) - basket
16) Charles Johnson (San Francisco Giants) - baseball
17) Richard DeVos e famiglia (Orlando Magic) - basket
18) Joe Lewis (Tottenham Hotspur FC) - calcio
19)  Jerry Jones (Dallas Cowboys) - football americano
20) Robert Kraft (New England Patriots) - football americano

10 Commenti
MeniUcel

Pero' non capisco coloro che criticano Pozzo accusandolo di pensare solamente ai soldi, ed allo stesso tempo plaudono al possibile arrivo di chi invece SICURAMENTE pensa solo ai soldi. Se critichi Pozzo su certe basi, a maggior ragione dovresti aborrire la Red Bull. Boh.

Allanon

...è che a parità di pensiero, si tende a scegliere chi ne ha di più! emoticon

ronny

la red bull pensa ai soldi.... VINCENDO...!!!
pozzo pensa solo ai soldi NON VINCENDO MAI NIENTE.....!!!

est.1896

L'ottusità del tifoso me*** del popolino friulano non ha limiti. Godetevi Gino Pozzo e le indagini della GdF! ... un giorno forse capirete la differenza tra sport, sport e finanza e solo finanza...e tra chi ha aziende con cui investe nello sport, anche per un ritorno economico ovviamente, e chi dello sport fa la sua azienda...
MeniUcel se solo tu capissi la castronata che hai scritto ... che tristezza!

Allanon

Est, permettimi: il tuo life motive avrebbe senso se tu accusassi i Pozzo di "tradimento", nel senso che pur essendo friulani si comportano, alla fine, esattamente come tutti gli altri proprietari di squadre, ovvero pensando al profitto. Sembra invece che tu indichi nelle attività dei Pozzo un'anomalia, rispetto a tutto il resto. Non mi vengono in mente altre società di me***/alto livello i cui titolari siano conterranei rispetto alla squadra che gestiscono; se è come dici tu, i Pozzo sono la norma, non l'eccezione!

est.1896

Allanon, non è questione di avere proprietari friulani o meno, non è tradimento, non ce l'ho con GP Pozzo (aka "I Pozzo"...classico fraintendimento che poi ha offuscato un po' tutti...) e Gino è un mezzo genio perché ha saputo cogliere un'opportunità nella sua ex-terra.
Dico solo che a me questo modo di fare sport (parlo degli ultimi 5 anni) non piace (i risultati sono lì a testimoniarlo).
Se tu sei contento sono felice per te. Io non lo sono. Punto.

Allanon

Est, ok, ma stai parlando del modo di fare sport professionistico di tutti i dirigenti in egual misura! E non lo dico per difendere Ginetto.... Per farla breve, Atalanta, Genoa, Samp, Bologna, ecc.... non lavorano in modo diverso. La cosa sulla quale c'è invece da riflettere è l'anomalia di possedere 2 squadre nelle massime serie in Europa. Questo sì che è un modo strano di fare sport, ancorchè professionistico....

carlodeimaltesi

magari...

Kos

Quasi, quasi..... penso a te

barpawer

E' e resterà un sogno.
I veri tifosi dell'Udinese non permetteranno che la nostra squadra scompaia per sempre con la sua storia ultracentenaria!!! emoticon

Mateschitz coi suoi soldi può anche pulirsi il cul0.

Interviste esclusive

Primavera e giovanili

Vita da Club

I cugini di Gran Bretagna

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Altri mondi

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori