Home / Internazionali / Guidolin, Stramaccioni, Zenga ...il 'made in Italy' all'estero ha fatto flop

Guidolin, Stramaccioni, Zenga ...il 'made in Italy' all'estero ha fatto flop

Luci e ombre per gli allenatori italiani nei campionati esteri

Guidolin, Stramaccioni, Zenga ...il 'made in Italy' all'estero ha fatto flop

Altro che made in Italy che domina in giro per l'Europa: neanche il tempo di celebrare l''invasione' dei tecnici italiani all'estero, che la realtà fa tornare tutti con i piedi per terra. Stramaccioni è soltanto l'ultimo esempio di allenatore italiano ad essere stato allontanato in questa prima parte di stagione. Un elenco lungo che parte da Guidolin e arriva fino a Zenga: chi dice che quello di cacciare l'allenatore sia un vizio tutto italiano ha a disposizione i numeri per iniziare a credere il contrario. E dire che nell'estate del calciomercato in molti avevano celebrato il dominio dei tecnici italiani, soprattutto in Inghilterra: lì, nella patria del calcio, la schiera dei mister tricolore era davvero folta. Guidolin, Ranieri, Conte, Mazzarri, i fantastici quattro che avrebbero dovuto far brillare la tattica made in Italy al cospetto di coloro che si ritengono i padri del calcio. Da Guidolin a Stramaccioni, i tecnici italiani 'steccano' Alla prova del campo però la colonia italiana all'estero ha iniziato a sgretolarsi: lo Swansea ha mandato via Guidolin, considerando più i risultati che il gioco espresso. L'Aston Villa non ha trovato altro rimedio che allontanare Di Matteo per risollevare le sorti della squadra. Stessa soluzione adottata dal Wolverhampton con Zenga. Ma non c'è solo l'Inghilterra: di oggi la notizia della fine dell'avventura di Stramaccioni al Panathinaikos, mentre Nicolò Napoli è stato esonerato dallo Iasi in Romania. Insomma il calciomercato estero nelle ultime settimane non ha sorriso ai tecnici italiani. Colonia dimezzata, ma comunque in grado di fare bene: se Ranieri fatica in Premier League ma ottiene la qualificazione agli ottavi di Champions League con il Leicester, Conte ci ha messo un po' ad adattarsi ma ora guarda tutti dall'alto in basso nel campionato inglese. Quello che dovrebbe fare Ancelotti in Germania con il Bayern senza la favola Lipsia: lui e Prandelli (Valencia) sono al centro delle polemiche per risultati non in linea con le attese. Riusciranno a rimettersi in carreggiata o entrarano del club dei tecnici italiani che 'steccano'?

Articoli correlati
5 Commenti
NonnoFausto

Vedendo come sta andando il Swansea senza il Guido, ritengo che forse la sua storia con i cigni non sia ancora terminata del tutto

ilcontebianconero

Guidolin avvicinato a Stramaccioni non si può nemmeno pensare.

Guido può anche non piacere ma ha anni di gavetta esperienza e anche risultati CONCRETI.

Stramaccioni è un paraculato di Moratti. Non ha mai dimostrato niente e nemmeno mi sembra abbia la giusta modestia per crescere.
Poi magari cambia il corso della sua carriera ma per adesso ovunque va mostra i soliti difetti.

frico_what_else

Ehm Carrera e conte sono primi nei loro rispettivi campionati e pure mazzarri sta riuscendo a fare bene... Non lo chiamerei fallimento...

tobanis bis

Beh, per Guidolin non direi, dopo che l'hanno mandato via sono finiti ultimi...adesso sono penultimi, ma sempre una squadra di seghe rimangono , qualdo li ho visti giocare, pensavo "meno male che c'è Guidolin che li mette bene in campo, perchè se no non si salvano".

Senza Guidolin, spero retrocedano.

NonnoFausto

Le stesse mie considerazioni...
Spero facciano di quelli figure di emme che metà bastano.

Interviste esclusive

Vita da Club

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

I cugini di Gran Bretagna

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori