Home / Conferenze stampa / Velazquez: felice di avere una squadra forte e giovane

Velazquez: felice di avere una squadra forte e giovane

Voglio creare un gruppo duttile

Velazquez: felice di avere una squadra forte e giovane

Prima conferenza stampa di vigilia di campionato per mister Julio Velazquez che affronta i temi del Parma ma anche quello della chiusura del mercato. "La campagna acquisti? Sono soddisfatto, mi sono confrontato con la proprietà, siamo d'accordo su tutto, abbiamo sempre parlato del mercato. E' stato molto dinamico. Sono felice del lavoro della società: abbiamo una squadra forte, giovane, per lavorare e crescere giorno dopo giorno".

In vista del Parma, pensa a cambiamenti tattici? "La partita di Coppa è già passata, io guardo sempre avanti. Il pensiero va sempre al presente e al futuro, analizzando bene il passato. Sono d'accordo che si possono sempre migliorare alcune situazioni, possiamo sempre crescere in tattica, tecnica ed emotività: la mia mentalità è sempre positiva. A nessuno piace perdere, per questo lavoriamo: il nostro pensiero è subito andato a domani. Faremo qualche modifica, ma vedremo. Il modulo è molto dinamico, può cambiare molto durante la gara: voglio una squadra versatile, che può variare molto durante la partita. Non possiamo sempre aver bisogno di 20 passaggi per arrivare alla porta avversaria. Dobbiamo capire bene ciò che ci serve in ogni situazione".

Fisicamente la squadra sta meglio rispetto alla gara con il Benevento? "E' normale un calo in agosto. Se avessimo segnato la seconda rete con il Benevento, sarebbe stata un'altra partita. Non credo fosse un problema fisico, ma calcistico: la squadra ha fatto molto bene nei primi 30 minuti, poi non c'è stata continuità con la palla, la squadra avversaria non era male, noi eravamo stanchi. Ma io ho subito voltato pagina: la squadra lavora bene. Voglio un pensiero positivo".

Gioca Scuffet o Nicolas? "Sarò sincero. Scuffet era sul mercato prima del Benevento, Nicolas no. Ora le cose sono cambiate: sono rimasti entrambi, fanno parte della scala gerarchica dei portieri. Quindi deciderò all'ultimo chi schierare".

Era il caso di fermare il campionato? Schiererà i nuovi? "Hanno situazioni differenti. Ekong è già pronto perchè ha segnato la scorsa settimana in Turchia, si è allenato con continuità, potrebbe giocare domani. D'Alessandro per 5 giorni non si è allenato normalmente, non verrà a Parma. Teodorczyk non è pronto, ma verrà con noi a Parma perchè ha una situazione di allenamento normale. Sul caso di fermare il campionato dico che sono addolorato per quanto accaduto. Non se ne può parlare a cuor leggero, bisogna conoscere bene tutto. Forse era possibile fermare tutta la competizione ma non posso parlare con oggettività perchè non conosco tutto".

Del Parma cosa pensi? "Ho visto la gara di Coppa Italia e amichevoli precampionato. L'anno scorso giocava in B, ora ha tanto entusiasmo, ha storia. So che ha una proprietà forte, ha una squadra anche in Spagna e in Portogallo. Ha fatto un buon mercato. Non è una gara facile, ma il mio pensiero è molto positivo.Se giochiamo con personalità e intensità, possiamo vincere. Loro sono versatili, hanno esperienza, personalità, qualità per dominare, possono giocare in diversi modi. Si proietta spesso in area avversaria, è forte, arriva bene in A. Noi dobbiamo giocare per 90 minuti con la stessa intensità e concentrazione. Loro sono forti, ma anche noi. C'è una atmosfera positiva, ideale per arrivare alla gara come voglio".

Siamo sicuri che non rivedremo lacune dalla difesa come contro il Benevento? "Sicuro al 100% no, nel calcio non c'è nulla di certo. Sono sicuro della concentrazione, ma prima che calciatori, i miei giocatori sono uomini. Spero non faranno errori, c'è un atteggiamento positivo. Vogliamo migliorare, non solo i risultati. Aspettiamo di crescere, giocando sempre con la stessa intensità durante l'arco della gara. La mentalità per domani è molto positiva, credo che la squadra arriverà bene a domani".

0 Commenti

SUL PICCOLO SCHERMO

Conferenze stampa

Vita da Club

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Interviste esclusive