Home / Conferenze stampa / Oddo: voglio una squadra sempre pronta mentalmente

Oddo: voglio una squadra sempre pronta mentalmente

Il mister in conferenza stampa

Oddo: voglio una squadra sempre pronta mentalmente

Ultima gara del 2017 per l'Udinese. Mister Oddo in conferenza stampa presenta la sfida con il Bologna: "Cerchiamo di seguire il nostro percorso, che deve essere di crescita generale. La perfezione nel calcio non esiste, ma dovremo cercare di sbagliare il meno possibile e proporre un buon gioco. Le vittorie creano aspettative, è normale. E queste vanno assecondate con il lavoro quotidiano, cercando sempre di fare il meglio possibile".

Come ha visto la squadra in questi giorni? "Nessuna pancia piena. Non si può dopo  4 partite vinte. I risultati sono frutto del lavoro e del cambiamento mentale e sappiamo che tutti ci aspettano al varco. Dovremo essere bravi a perdere meno partite possibile. Capiterà di perdere, bisogna cercare di dare continuità al lavoro allenandosi bene con la convinzione che si può sempre crescere e giocarsela con chiunque. Voglio una squadra sempre pronta mentalmente".

Domani che squadra schierare? "Vedremo. Ho tutti giocatori validi davanti, con caratteristiche tutte diverse e posso proporre altre cose. Domani sceglierò, non ho ancora deciso. I ragazzi si stanno allenando bene, ho parecchi dubbi, positivi, sia in avanti che a centrocampo e in difesa. So che partita andiamo a fare, posso affrontarla con interpreti diversi. Devo cercare di azzeccare la formazione".

Lei riesce a essere sempre calmo: “Sono consapevole della forza di questi ragazzi e loro anche lo sono, ma devono sapere che possono migliorare ancora. Dipende però da loro, dalla loro voglia di mettersi quotidianamente a disposizione”.

Samir è pronto dai primi minuti? Verdi, si aspettava un simile exploit? “Samir sta bene, è convocato ed è pronto per partire anche dal primo minuto. Poi si vedrà, i ragazzi dietro stanno facendo benissimo. Verdi si allenava con noi, ora è un giocatore maturo, è cresciuto. Lo avrei voluto a Pescara l’anno scorso, è di sicuro valore. Ma io non ho paura di Verdi, ma del Bologna. O meglio, prima dei miei, poi degli avversari”.

E’ difficile gestire i giovani: “Quando si parla di grandi spogliatoi, di grandi gruppi, sono quelli in cui gli anziani aiutano i giovani. I ragazzi con più esperienza, che hanno le spalle larghe, aiutano l’allenatore a far sì che i ragazzi mantengano i piedi per terra. Oggi un allenatore deve mettere in campo i ragazzi con meritocrazia: i calciatori devono essere certi di questo. Questo è un fattore determinante”. Un allenatore deve sempre essere coerente, soprattutto ai loro occhi. Io mi rendo subito conto se un ragazzo c'è mentalmente o no. Più un allenatore è completo, più è bravo".

Che squadra è il Bologna? "Una squadra molto solida, molto organizzata. Ha un allenatore che si è evoluto, è migliorato, sul campo e in tutto. Lo sta dimostrando. Sarà una gara difficile, il Bologna ha caratteristiche importanti e un allenatore che li guida bene. Sulle punizione cercheremo di evitare falli stupidi e mettere una pezza dove loro hanno grandi capacità".

Destro e Palacio: cosa cambia per la sua difesa? "Cambiano le caratteristiche del Bologna in fase offensiva, ma per noi cambia poco se riusciamo a fare quello che abbiamo preparato. Abbiamo preparato la gara in caso che giochi uno o l'altro".

28 Commenti
Luc_Brasil

Intanto il Napoli, Campione d'Inverno, vince per 1 a zero a Crotone contro quel Crotone che l'Udinese ha asfaltato con 3 bellissimi goals.

Luganega

il naples ha vinto rubacchiando emoticon

Axl Foolie

grande Massimo! emoticon
veramente una scelta super azzeccata.
poi ho letto anche di Marco Negri: non mi ricordavo la sua storia. bella. emoticon
quindi mi sento di dire che non solo la squadra è migliorata tatticamente e tecnicamente, mettendo in risalto le giuste caratteristiche dei singoli nel gruppo, ma deve essere scattato pure un "click" collettivo nelle menti dei giocatori.
quei magici mix che fanno decollare una squadra. emoticon
sensazioni sempre più positive.

polidrugo

Mi piacerebbe sapere chi è quel giornalista che ha fatto notare che il Bologna ha dei buoni tiratori di punizione e quindi non bisogna fare falli .... sic ... demenziale !!

InGinoWeTrust

Mica tanto.....
.....giocando senza un portiere decente....

pa170

tra tante osservazioni questa forse non è tanto fuori luogo. anche a milano il solito giocatore ha fatto il solito stupido fallo ai limiti dell'area. speriamo che faccia anche il miracolo di insegnargli a non fare cose stupide.
non serve nemmeno dire a chi mi riferisco

blaso

Allenatore veramente molto meticoloso che oltre a preparare la gara nei minimi dettagli a seconda dell'avversario ci sa mettere mano anche a gara in corso. Giusto il discorso sulla meritocrazia

polidrugo

Mi piacerebbe sapere chi è quel giornalista che ha fatto notare che il Bologna ha dei buoni tiratori di punizione e quindi non bisogna fare falli .... sic ... demenziale !!

bisiacris

Niente pancia piena. Ma come? E chi lo dice adesso a Fulvio?!?

Ludwig

Per fortuna ci pensa Oddo... siamo tranquilli...lo sgarfare in campo è solo un brutto ricordo.

AbelBalbo71

io ho goduto sul serio quando si sgarfava. Poi, non si sgarfava più e Del Neri è stato, anche giustamente, allontanato. Preferisco però non essere ingrato verso chi, lo scorso anno, ci ha fatto vivere una annata tranquilla anche se noiosa.

eli40

non si sgarfava perchè se non dai motivazioni ai ragazzi dopo un po l'entusiasmo iniziale si spegne. Se come delneri fai giocare sempre gli stessi, fai sempre gli stessi cambi, perdi anche le partite per quei cambi, i giocatori si iniziano a fare qualche domanda e salgono i dubbi...poi se quelli in panchina sanno che non giocheranno mai e che i titolari sanno che giocheranno a prescindere la competizione si azzera e il livello si abbassa al minimo sindacale. Ed eccola la frittata gigi-moode

Luc_Brasil

Caro Eli, analisi perfetta.
E pensare che avevamo posto molta fidúcia in Delneri, ma purtroppo, dopo un buon inizio, si é rivelato inadeguato e gia' pensionato.
Penso che l'unico che lo rimpiange sia Matos.

pa170

io i dindi non ce li ho più da quando ero bimbo ma a memoria mi pare che sgarfino per andare a cercare da mangiare più che altro....

blaso

Bravissimo eli40

Omar-il-Grigio

"Bologna ha caratteristiche importanti"
Oh no! Ci risiamo! emoticon

Ludwig

...cavattevistiche impovtanti.

Osk

emoticon

pa170

bologna squadra molto in crisi sulle difese nei calci da fermo e sui cross, anche da trequarti campo

eli40

meritocrazia è l'unica parola che chi vuole davvero motivare i suoi "sottoposti" deve pronunciare (ma soprattutto praticare).

eustacegiustino.bagge

ewandro quindi è in partenza...

eli40

forse in prestito. Ma secondo me oddo lo vuole tenere, insegnargli bene la tattica e provarlo in qualche occasione..ma nel frattempo non lo ritiene pronto per giocare, quindi in effetti ha poco senso convocarlo

blaso

Sara interessante vedere cosa faranno di lui a gennaio. Certo che se quando è arrivato oddo ha visto grande impreparazione tattica da parte dei giocatori titolari figuriamoci come poteva essere uno che nn Giocava mai come ewandro.

selmosson

mandi, credo che queste conferenze pre-partita siano uno dei momenti piu difficili per un tecnico che deve per forza dire qualcosa senza dire niente per non dare nessun minimo vantaggio agli avversari ...

mik

Ha paura; buon segno, sono ottimista..

Luganega

meritocrazia...... che bella questa parola in Italia difficile sentirla pronunciare

Bintar62

La si nomina anche troppo.. Il problema e' la messa in pratica. Anceh perche` tutti sono felici quando gioca a proprio favore, poi quando si ritorce contro si cercano le scuse. A tutti i livelli

Luganega

a me sembra che Oddo abbia ben chiaro il significato di meritocrazia.... riguardo all'italia..... vedo tanta gente che pulisce i cessi e meriterebbe di piu'....

SUL PICCOLO SCHERMO

Conferenze stampa

Vita da Club

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio