Home / Conferenze stampa / Oddo: oggi abbiamo mostrato la più totale superficialità

Oddo: oggi abbiamo mostrato la più totale superficialità

Il mister al termine del match

Oddo: oggi abbiamo mostrato la più totale superficialità

Quinta sconfitta consecutiva, quella che brucia di più. Massimo Oddo certo non si aspettava un risultato simile fino a poche ore fa. "E' successo essattamente l'opporto di quello che avevo chiesto io. Oggi abbiamo dimostrato la più totale superficialità e mancanza di esperienza. Abbiamo delle difficoltà in fase realizzativa, ma una squadra con la testa sulle spalle bada a non prenderle. Ci siamo sbilanciati: abbiamo preso 5 contropiedi consecutivi, al sesto ci hanno fatto gol. E' un momento difficile. La cosa positiva è che da dietro incominciano ad accorciare: spero che i ragazzi si rendano conto che bisogna riprendere a fare punti, altrimenti si rischia. Se torneranno la paura di quando sono arrivato e la voglia di rimettere l'esperienza in campo, torneremo a fare punti. Spero che questa sconfitta sia utile".

Come mai il cambio di Fofana? "Fofana ha chiesto il cambio perchè ha preso una botta sulla gamba".

Approccio alla gara: "Quando trovi una squadra che si mette in 11 dietro o alzi la palla o cerchi di trovare dei varchi girando la palla. Sentivo i fischi quando facevamo girare palla. Il problema è che non c'è un attacco deciso alla porta, nei cross siamo sempre dietro all'uomo. Il problema è che dobbiamo tornare con il veleno nel sangue, con gli occhi della tigre per stare attaccati al risultato. E ci vuole più lettura in campo nei momenti difficili. Oggi abbiamo fatto di tutto per soffrire di più".

Sembrano mancare le motivazioni. Mancano gli obiettivi? O ci si nasconde dietro l'alibi che manca un attaccante? "La squadra in allenamento è sempre quella di prima, si allena bene, è motivata e pimpante. In questo momento di difficoltà ci è venuta a mancare un po' di autostima: sbagliamo una marea di passaggi, segno che non si è tranquilli. In questi casi bisogna fare qualcosa di diverso".

La squadra aveva capito che era importante non perdere? "Pensavo lo avesse recepito, eviedentemente no. Prima del gol abbiamo sbagliato 7 passaggi semplici andando centrali. Su una di queste palle perse, contropiede e gol. Bisogna maturare, capire, avere più lettura in campo. Cosa che si acquisisce con l'esperienza in campo. Forse questa squadra non è matura per ambire a qualcosa di diverso. Visto che è così, spero che torni un pizzico di paura e che i ragazzi tornino a guardarsi indietro".

Non ho detto che di questo passo si va in serie B. Ho detto che per tornare ad essere quelli di quando sono arrivato, bisogna tornare ad avere un po' di paura. Dobbiamo guardarci dietro e ritrovare quel furore agonistico per approcciare meglio le partite".

SUL PICCOLO SCHERMO

Interviste esclusive

Vita da Club

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio