Home / Conferenze stampa / Oddo: domani conta soprattutto la testa. Per i ragazzi sarà una prova d'appello

Oddo: domani conta soprattutto la testa. Per i ragazzi sarà una prova d'appello

Più che la tattica e il fisico

Oddo: domani conta soprattutto la testa. Per i ragazzi sarà una prova d'appello

Alla vigilia della sfida con il Benevento, mister Massimo Oddo in conferenza stampa analizza i temi della gara. Annuncia subito che "Angella non è convocato. Non ce la fa". Poi subito la domanda sul Benevento, reduce dal pareggio con il Milan che ha galvanizzato l'intero ambiente: "Al di là del pareggio, incontriamo una squadra estremamante organizzata che gioca un ottimo calcio e ha messo in difficoltà tanti avversari. Forse è la gara più difficile fino a questo momento. Non danno punti di riferimento, giocano bene, han bisogno estremo di punti: bisognerà essere più che perfetti. Domani conterà molto di più la testa che il fisico e la tattica. Se non saremo perfetti nella testa sarà veramente difficile vincere".

A Crotone avete fatto una prestazione convincente, la squadra merita la conferma: "C'è anche l'avversario, il modulo, come ci si è allenati in settimana, come si sta. Se in settimana fosse stato tutto perfetto, ci starebbe la conferma. Non pensiamo che sia stato tutto rose e fiori. Ho visto molta esaltazione, sbagliata. Abbiamo vinto, abbiamo vinto bene e siamo usciti da un momento di difficoltà: ma bisogna sempre essere 'un pelo pessimisti', dobbiamo rimanere attenti. Dobbiamo migliorare nell'essere un po' più sciolti dall'inizio: a Crotone nella prima mezz'ora abbiamo rischiato di prendere gol, quello è un aspetto su cui riflettere".

Maxi Lopez e Lasagna: soddisfatto di loro? "Il merito è delle loro capacità individuali che si esaltano solo in un contesto di squadra che lo rende possibile. I  movimenti offensivi non riguardano solo le punte, la cosa più complessa non è il movimento delle due punte, ma quello di dare una coralità al loro movimento, che deve essere supportato da difensori, centrocampisti e esterni. La coralità del movimento di squadra è la cosa più difficile".

Fofana come volante basso: si può rifare? "Un giocatore di talento può fare quello che vuole. Non ha le caratteristiche di Balic. In questo momento credo che se vuoi sfruttare un pochino di più le caratteristiche offensive delle mezzali hai bisogno di un centrocampista con determinate caratteristiche come Fofana. In questo momento lo ritengo un giocatore più pronto di altri per questo. Questo non esclude un impiego di Balic in futuro. Sia Fofana che Barak hanno una buona fase offensiva, ma Barak può sfruttare meglio le sue caratteristiche quando è un po' più libero di buttarsi in avanti".

La formazione è pronta: "In realtà non è così definitiva. In difesa ci sarà un cambio per cui sono in corsa in tre: Bochniewicz, Nuytinck e Larsen. Nove undicesimi sono quelli, poi vediamo più avanti".

Come gioca il Benevento? "Molto meglio ed è più squadra di tante squadre che le stanno davanti nella colonna sinistra di classifica.  E' una squadra viva, quando hai questa pressione addosso tu fai di tutto per smentire la classifica. Il Benevento può darci molti ma molti più fastidi di altre squadre".

De Paul: non si adatta molto al suo pensiero di come deve essere in questo momento l'Udinese? "Ha fatto tre partite. Sono stracontento di come ha reagito per l'esclusione: ha reagito alla grande. La sua rabbia l'ha trasformata in positività. Io ne posso schierare 11, non sta fuori solo lui. E' giusto che chi sta fuori sia arrabbiato, ma è altrettanto giusto che la squadra sia anche questo. Bisogna farsi trovare pronti, allenarsi bene e rispondere così all'esclusione. Ci sono passato anche io da calciatore, mi arrabbiavo: l'unica arma per chi va in panchina è riversare la rabbia in allenamento, mettendoci tutto l'impegno. C'è bisogno di tutti".

Hai trasformato l'Udinese: "Nel far capire che tutti devono partecipare alla fase difensiva, con spirito di gruppo e di sacrificio. Se io faccio una corsa per un compagno, poi il compagno la fa per me. Ma l'aspetto mentale è quello sul quale si è lavorato di più, far capire che le individualità che ci sono emergono con l'aiuto della squadra. Qui ci sono potenziali bravissimi giocatori che potranno uscire fuori solo con il supporto dei compagni. Poi ho dato più coraggio nel giocare da dietro, non lanciare la palla lunga alla prima difficoltà. La capacità di leggere i momenti della partita. Domani per loro è un appello fondamentale: domani devono dimostrare che scenderanno in campo con la stessa grinta, concentrazione e convinzione di tutte le altre partite".

L'entusiasmo l'hai notato nella squadra o tra i tifosi? "Tra i tifosi. La squadra ci penso io a tenerla con i piedi per terra. I ragazzi leggono i giornali, bisogna mostrare maturità in campo".

55 Commenti
alecdelisle

Oggi qualsiasi risultato che non sia una sonora vittoria dell'Udinese ( 4, 5, a zero) sarebbe una rovina. Il Benevento non può fare paura a nessuno in serie A, un miracolo può succedere, vedi il gol del loro portiere col Milan, ma i miracoli son tali proprio perchè una tantum... Oggi si giocherà una partita solo per onorare il calendario sportivo, il risultato non può assolutamente essere diverso da quelli sopra citati.

il cartaio

@alecdelisle: imprescindibile è la vittoria, non la goleada.
Il tasso tecnico individuale del Benevento è imbarazzante per quanto mostrato sin qui.
Però poi c'è la giornata in cui vanno in vantaggio contro la Sampdoria e perdono di misura solo dopo aver fallito clamorosamente il punto del pari.
Un' altra escono battuti di una sola rete dalla squadra attualmente capolista.
Un' altra ancora mettono paura alla seconda squadra di Torino per un tempo.
Pensiamo a vincere e convincere anche senza punteggi tennistici.

zinne

Alec, ma che stai a di?? Quindi la Juve che stava perdendo e ha vinto in rimonta per la rotta della cuffia, sarebbe da serie b?

fuarcesimpriUdin

Oggi è una partita troppo importante per noi, non dobbiamo steccarla, e se riusciamo a vincerla poi si puo' guardare con altri occhi il campionato senza abassare la guardia, visto ieri il cagliari mi fa ancora rabbia ad avere perso una partita con una squadra cosi............................

il cartaio

@FuarcesimpriUdin: infatti non la steccheremo. È stata una settimana positiva e c'è grande fiducia. Il divario tecnico, a parità di motivazioni, è enorme.
Non vi è motivo di pensare il contrario anche perché non vedo con quali armi una squadra come il Benevento, che con rispetto parlando tutto ha fatto tranne dimostrare di valere la categoria, possa metterci in difficoltà.

bisiacris

Madonna che gufate... tocchiamo tutto quello che possiamo. Il Cartaio non è superstizioso...

Luganega

Oggi segniamo su calcio piazzato emoticon

Michele

Sto guardando cagliari samp.
Doppietta del grande Quaglia ma Ramirez è un giocatore straordinario e sta facendo quello che vuole....2 assist e giocate sublimi.....con 9 milioni lo si prendeva e avremmo avuto uno dei più forti trequartisti del campionato....come dico da molto tempo non bisogna solo andare in cerca di scommesse in giro per il mondo ma ogni tanto bisogna investire qualche milione in giocatori che possono fare la differenza nell'immediato e che poi lo stesso genereranno plusvalenze milionarie...un pò come successe a Zamparini con Pastore Cavani e Dybala o come succederà con lo stesso Pozzo con Richarlidson....giocatore costato una quindicina di milioni ma che già adesso vale più del doppio....non riesco a capire perchè Gino (visto che dopo decine d'anni di plusvalenze milionarie i soldi non divrebbero mancare) non vada in cerca di giocatori come Ramirez Schik o Torreira per restare in tema Samp ma preferisca spendere quasi 6 milioni per oggetti misteriosi tipo Bajic.......

il cartaio

@Michele: Ramirez, Shik e Torreira. E cosa hanno dimostrato sino ad ora?
Basta un goal da trentacinque metri su punizione senza barriera per mandare alcuni in brodo di giuggiole.
Bajic oggetto misterioso è un Suo personalissimo parere.
Forse Lei era del partito che considerava oggetto misterioso dopo tre anni anche Pizarro o è un semplice e fuori luogo attacco alla Società?
Perché non se ne sentiva proprio il bisogno, guardi.

blacklist

Quindi Bajic non e' in oggetto misterioso.
Capisco.

Michele

Nessun attacco alla società....ma ho solo espresso una mia personalissima opinione intanto su giocatori che trovo sia tecnicamente che caratterialmente molto validi sia su come (sempre secondo me) la società ogni tanto dovrebbe comportarsi sul mercato....non dico sempre ma ogni tanto sarebbe meglio spendere qualche milione in più per prendere qualche giocatore forei che magari spenderne altrettanti per prendere 5/6 giocatori provenienti da campionati improponibili che poi magari si rivelano autentiche ciofeche.....io invece di prendere Bajic a quasi 6 milioni avrei preso una punta più pronta magari spendendo 3/4 milioni in più....tutto qui.....perchè anni fa si prendevano i vari Di Natale Di Michele Quagliarella (7.5 mil. X metà cartellino) Muzzi (costato 20 miliardi delle vecchie lire) Poggi Fiore Locatelli mentre ora certi investimenti non si fanno più?

Luganega

cioe' praticamente se un singolo tifoso dice la sua e' attacco alla Società?

cartolaio dai che domani dopo questo intervento ti mettono 5 euro in piu in busta paga.


Barpirla

Scusate ma non pensavo esistessero persone così adulatorie e meschine come il SIGNOR cartaio.....

il cartaio

@Michele: abbia pazienza, sarò brevissimo. Non capisco la correlazione tra lo spendere dieci o dodici milioni di euro per un Pavoletti, un Falcinelli, un Paloschi e via discorrendo ed i nomi dei giocatori che Lei elenca alla fine.
Seguendo la logica del Suo ragionamento conclusivo e la domanda che pone, pare che i giocatori che Lei cita siano costati un salasso.
Se non ho male interpretatro io la lettura del Suo scritto, allora si dicono inesattezze.
Guardi: sulla carta l'acquisto più oneroso è stato quello di Di Michele, costato sulla carta, ma solo sulla carta una ventina di miliardi di vecchie lire.
Il cartellino di Muzzi dal Cagliari costò circa cinque miliardi, invece.
Totò arrivò a Udine, dal canto suo, negli ultimi minuti di mercato per geniale intuizione di Pier Paolo Marino: ma fu quasi un caso: in realtà stavamo trattando con l'Empoli due difensori (Cribari e Belleri) e Totò venne inserito nella trattativa come tappabuchi della stessa, tanto per intenderci e senza entrare troppo nel merito.
Il riscatto della metà di Quagliarella ce lo potemmo permettere causa fallimento del Torino: la prima metà ci era piovuta gratuitamente dal cielo.
Su Poggi, mi pare di ricordare che venne acquistato in due tranches dal Torino che viró su Rizzitelli: se abbiamo pagato tre miliardi per il suo cartellino è stato tanto.
Stefano Fiore, addirittura arrivò gratis perché il Parma lo inserì come contropartita tecnica nell'affare Amoroso da cui avevamo già incassato le cifre risapute.
L'affare Locatelli dal Milan non è costato più di 5 miliardi.
Ho citato a memoria, quindi perdoni eventuali inesattezze, ma garantisco che il sunto è veritiero.
Vorrei fare altri esempi stile Bierhoff per provare a rispondere alla Sua domanda, ma ho obbligo di congedarmi data l'ora.
Spero di potermi dilungare con Lei sul tema in altra occasione.
Buona serata.

il cartaio

@Blacklist: è un ragazzo che ha avuto ed ha a tutt'oggi più difficoltà di altri nell'inserirsi nel contesto. Vuoi per il precedente rapporto con Mister Del Neri, vuoi per una sensibilità più marcata, vuoi per il problema della lingua italiana che lui vive in maniera particolarmente controversa e faticosa. Ha giocato talmente poco che non è nemmeno giudicabile, ma le qualità ci sono tutte.
L'oggetto misterioso, a mio modesto avviso, è un giocatore di elevata qualità tecnica che non riesce, però, ad esprimere in quel determinato contesto pur avendone la possibilità. C'è stato, recentemente (intendo negli ultimi dieci anni), ad Udine un ragazzo che si inquadrava in questa prospettiva. Ha provato anche altre squadre del nostro campionato, anche di categoria inferiore, ma non veniva fuori nulla di buono. Poi ha cambiato campionato ed ha lasciato, sin da subito, una buona impressione di sé. Ma sono numerosi a prescindere dai colori che vestono gli esempi: Saviola, ad esempio, con un curriculum che faceva provincia, andò a Verona per produrre solo critiche ed anidride carbonica.
Ricordo Klismann alla Sampdoria: fu una stagione fallimentare per un campione del suo calibro.
Il giocatore va giudicato nella lunga durata ed in condizioni di piena serenità, non quando è in difficoltà su tutto per motivi anche di gestione del sentimento.
Spero di essere riuscito a rendere l'idea pur non potendo entrare troppo nel merito.
Un saluto.

il cartaio

@luganega: se si critica, magari senza nemmeno troppa cognizione di causa, l'acquisto di un giocatore pagato con i denari provenienti dai forzieri societari, la critica è indirizzata lì. Pare ovvio e confermato dall'internauta stesso in un pensiero successivo. Ad ogni buon conto è giusto che ciascuno esprima un parere personale, magari immotivato, anche contro tendenza, ma pur sempre motivato.
Buttata lì cosi, questa considerazione su Bajic sembra una tanto inutile quanto gratuita stilettata alla Società. Poi nel secondo post dell'autore, vengono fornite quantomeno delle motivazioni, sebbene anche le pietre, oramai, sappiano che non verranno mai spesi dieci milioni di Euro per un Pavoletti o simili.
Non sono state spese cifre di poco più consistenti per acquistare le prestazioni sportive di Pato quando a diciassette anni favoleggiava nell'Internacional, s'immagini Lei se possono essere il Falcinelli o il Paloschi di turno a dare una svolta contraria ed in questo preciso momento storico, oltretutto.

Luganega

magari cartolaio basterebbe pensar che i tifosi sono un pochino delusi ...ma d'altronde quando si ha la coda di paglia e' normale che si preferisca accusare i tifosi di attacchi inesistenti alla società' .

pleif

Cartaio, i pareri devono essere motivati: ok. Ma per tirar fuori motivi non biaogna scrivere balle. Muzzi 5 mld? Erano 20... Locatelli tra comproprietà e riscatto erano 8... il Quaglia è arrivato gratis dal Toro e la comproprietà è stata pagata cara solo perché era stato commesso l'errore di cedere 50% del cartellino unk o due anni prima... Di Di Natale non ricordavo fosse andata così ma concedo il beneficio del dubbio. Era meglio che non ti erigevi a professorone con Michele che ha espresso una sua sacroasanta opinione e tu per contestare hai modificato la realtà a tuo piacimento

il cartaio

@pleif: su Quagliarella diciamo la stessa cosa. Se Lei è sicuro che Locatello sia costato 8 sarà così come Lei asserisce: io ricordavo 2 miliardi iniziali e 4 per il riscatto.
I 20 miliardi spesi per Muzzi dal Cagliari non mi tornano, ma se ha la possibilità di inviarmi materiale in merito lo faccia tranquillamente in questa sede.
Ho premesso che citavo a memoria e qualche inesattezza poteva starci.
Il succo del discorso non cambia: l'Udinese Calcio non ha mai speso cifre folli per un suo tesserato. Quindi il ragionamento del precedente interlocutore non fila.

il cartaio

@luganega: se sono delusi i tifosi pensi Lei la Società che oltre a vivere con lo stesso entusiasmo di ogni supporter l'aspetto sportivo, non ha alcun ritorno economico e perde di blasone e prestigio.

il cartaio

@Michele: mi sono tolto il dubbio e mi hanno confermato la cifra di 20 miliardi per Roberto Muzzi, spalmata su tre tronconi annui. Le chiedo scusa in merito, ma deve ammettere che è caso più unico che raro per quanto ci riguarda.

gallina

Cartaio..
Pavoletti ..i 10 milioni li vale e lo sta dimostrando ..
Oggi i costi dei cartellini dei giocatori che danno una sicurezza costano quei soldi ..
Con 6 milioni compri delle speranze ..tipo bajic..
Allora ed è lecito il dubbio ..
Non sarebbe stato meglio ..con un minimo esborso ..prendere pavoletti è avere un giocatore che comunque poteva dare qualità e gol ??
Secondo me sarebbe stato meglio ..
Comunque il beneficio del dubbio per me bajic lo ha ..
E spero presto di vederlo giocare ..
Ma oggi ogni valutazione e impossibile ..

il cartaio

@pleif: cedere la metà del cartellino di Quagliarella è stato un errore con il senno di poi perché sino a quel momento ben poco aveva fatto sia con la maglia del Torino sia con quella dell'Ascoli.
Non è stato regalato: rientrava in una trattativa che interessava le comproprietà di Mirko Pieri e Salvatore Foti.
Sfortuna volle che esplose proprio quell'anno a Genova e costrinse un testa a testa alle buste vinto per poche centinaia di migliaia di euro.

il cartaio

@gallina: ma secondo Lei la Società va a pagare dieci milioni di euro al Genoa per un giocatore che Preziosi aveva acquistato due anni prima a meno della metà del prezzo, più giovane e con meno acciacchi.
Vorrei chiedere al Napoli Calcio se è contento di avere speso 18 milioni di euro per un giocatore che ha contribuito solo alle spese dell'infermeria.
Pavoletti almeno sei, sette partite all'anno le salta per problemi fisici e squalifiche. Sempre nella speranza che al test antidoping non esca un positivo a qualche sostanza perché ricordo anche quella parentesi nel suo curriculum.
E vorrei chiedere anche al Cagliari se è contento di avere speso quei dieci milioni per un giocatore che a fine girone di andata ha messo a segno forse tre goals di cui almeno uno inutile.
Stia tranquillo che se non avessero avuto la grana Borriello all'ultimo secondo di mercato, mai e poi mai una Società attenta come il Cagliari avrebbe compiuto tale operazione.
Poi se Lei è un estimatore del Signor Pavoletti, se lo goda, ci mancherebbe altro.

gallina

Cartaio la tua disanima e al quanto qualunquista ..
Pavoletti costa come un bomber di serie a costa ..
È il ragionamento che preziosi l’ha pagato poco e lo stesso che fa ludinese con i suoi giocatori ..
Solo che se la plus la fa ludinese va bene ??
Spendere 4 milioni di più per un pavoletti sarebbe stata a mio avviso la mossa migliore ..
Bajic che avrà le sue qualità ..rischia di rimanere nel limbo perché non si adatta al nostro calcio ..
Ti arrampichi sempre sugli specchi cartaio ..e spesso leggo inasettezze ..
Perché sono certo che se fosse arrivato pavoletti avresti scritto ..di un grande acquisto e tanto altro..
Ultimo appunto ..adesso pavoletti è fondamentale nel Cagliari ..e anche ieri lo si è visto

il cartaio

@gallina: per cortesia, non mi sembra di essere stato scorretto nei Suoi confronti: non mi metta in testa pensieri che non ho.
Secondo Lei, il sottoscritto, che ha avuto modo, fortuna e piacere di godersi, in Italia e in Europa, da vicino e da lontano, per anni e con costanza, le gesta di Attaccanti, volutamente con la " A " maiuscola, del calibro di Balbo, Bierhoff, Amoroso, Di Natale, Sanchez, e i vari Quagliarella, Poggi, Iaquinta & Co. dei tempi d'oro, può esaltarsi per un giocatore che ha segnato qualche rete in carriera segnando in una squadra di media classifica quale il Genoa e che, oltretutto, creava gioco solo per lui?
Vado molto più fiero della fotografia fatta con Vagheggi poche ore dopo la doppietta interna contro il Piacenza nella stagione cadetta '88-'89 che ancora oggi conservo incartapecorita nel mio vecchio album, che di un attaccante che alla fine della stagione ti costa, se va bene, un milione di euro a goal, un terzo dei quali, eventualmente, neppure decisivi.
Poi sia gentile, non so quanti anni ha Lei, ma prima di parlare di inesattezze, di persone che si arrampicano sugli specchi e ancor prima di leggere nel pensiero altrui, faccia lo sforzo di accettare il contraddittorio e di argomentare ció che sostiene con un po'più di rispetto dal momento che, personalmente, pur non conoscendoLa, il mio nei Suoi confronti non è mai venuto meno.

gallina

cartaio non ti ho mancato di rispetto...quindi evita i vittimismi..
secondo me ti arrampichi sugli specchi...perche difendi a prescindere ogni e qualsiasi scelta la società faccia...ed è incontrovertibile!!
io sostengo la società udinese da molti anni...e la mia eta non ti deve interessare..come a me non interessa la tua...
sono i concetti che si esprimono quello che conta...
e pavoletti oggi in questa udinese sarebbe utile e come...
cosa cavolo centra che in passato ci sono stati ottimi attaccanti????
si parla di oggi!!! e del fatto che bajic è un oggetto misterioso...che è costato tanto per i parametri del udinese...e che con poco di piu poteva avere una punta di livello in serie a come pavoletti...che...e per dirla tutta..se fosse arrivato...te avresti sostenuto come un acquisto magnifico...
quindi avanza di farmi morali su rispetto di opinioni altrui....perche io sono criticato per quello che dico??ok lo accetto e rispondo...
ma non piango,,,e non invento cifre tipo come quello che hai fatto te con l'acquisto di muzzi..dicendo una cosa per un altra

il cartaio

@gallina: ma il riferimento all'età era un modo carino per farLe capire che trovo abbastanza infantile, se non addirittura stupido, asserire di sapere quali pensieri balenano nelle teste altrui. Si è forse regalati un medium ed un tavolino a tre piedi per Natale o le è scappata per due volte la stessa corbelleria?
Gli attaccanti che ho menzionato, inoltre, centrano solo come metro di paragone ed è chiaro che Lei non ha avuto la fortuna di vederli tutti dal vivo: di contro non si esalterebbe tanto per un giocatore che, diciamocela tutta, agli attaccanti che ricordo io può, forse, allacciare gli scarpini tra il primo e il secondo tempo.
Questo non significa che qualcuno debba sottrarLe il piacere di godersi Pavoletti in lungo e in largo con qualsiasi maglia, però non faccia processi alle intenzioni pensando a cosa gli altri penserebbero se un qualcosa eventualmente fosse.
Sul costo del cartellino di Muzzi ho verificato pochi minuti dopo e ho riportato l'errata corrige chiedendo scusa all'internauta Michele per l'inesattezza mnemonica.
Potrebbe scegliere di rinunciare a mettere tutti quei puntini all'interno dei Suoi pensieri ed utilizzare i normali segni di interpunzione del nostro idioma, cogliendo il duplice obiettivo di terminare di torturare la sintassi della lingua italiana e dedicare più tempo a leggere attentamente gli interventi degli altri al fine di ridurre eventuali inutili brutte figure, prima di svanverare sugli altri.
Questa sí che sarebbe una doppietta da vero bomber.

gallina

cartaio...le parole a vanvera le spari te...
e non è la prima volta che leggo le tue continue difese a prescindere della società...
poi scusami tanto ..io scrivo con il cell...e non riesco a rileggere e spesso non uso la punteggiatura..
le cose che scrivo per la scarsa qualità del blog con il cellulare...a volte sono piene di errori..e lo so...ma se non migliorano questa piattaforma...almeno e parlo per me....continuero a riempire di puntini i miei interventi
cmq è il concetto che conta...e la tua battuta sul età non la trovo affatto divertente...cmq ho piu di 40 anni...e l'udinese la seguo da quando ero un ragazzino alle elementari...
detto questo ...la tua continua ricerca di trovare del positivo in ogni cosa che la società fa...è a mio modo di vedere le cose...ridicolo..
io difendo la società...e in tante scelte la sostengo...
ma quella di pavoletti..è stata una rinuncia a favore di un giocatore che ad oggi è una scommessa persa...volenti o nolenti!!
e lo dico da tifoso che spera che bajic possa giocare e dimostrare di essere fortissimo...ma i fatti oggi dicono che è una riserva..di un giocatore preso per fare la riserva!!
cmq io l'udinese come ti dicevo la seguo da bambino..e ne ho visti di giocatori forti in attacco....ma è passato...e te vivi molto di passato..
io guardo al presente...e specialmente al futuro...
e ritengo...conoscendolo bene....che uno come pavoletti avrebbe fatto comodo ...a questa udinese oggi e domani!!
e il sottolineare che scrivi inesattezze è per dirti...che non hai la certezza assolute ma che come capita anche a me...anche te sbagli!! ...
e cmq ricordati che in un blog..è normale avere idee diverse...
e siccome non ti offendo ..quando le espongo..evita vittimismi..anche se le mie idee sono diametralmente opposte alle tue!!
ultima cosa...se dire il contrario di quello che dici te..significa fare brutte figure...
allora me ne farò una ragione....e continuerò a farne ancora...visto che non concordo con la tua ostinata difesa di ogni scelta societaria...
io sono coerente con le mie idee

Tarassaco

Mi piacciono gli allenatori che prendono ogni partita davvero sul serio e tengono i giocatori in allerta smontando allori e alloretti (+ i secondi nel nostro caso). Quindi impegno, spirito (e pratica) di sacrificio e pedalare. Così si può giocare BENE, e magari anche portare a casa il risultato.
N.B. Fa bene a ricordare i primi 30-35 minuti della partita con il Crotone, dove loro hanno avuto la supremazia.

il cartaio

@Tarassaco: è una partita in cui abbiamo tutto da perdere.
Poi la vinciamo perché abbiamo più qualità in tutto e tutti, ma mancare di concentrazione anche per pochi minuti può costare tre goals presi da una squadra di mezza classifica in cadetteria. L'unica corda da toccare era quella della concentrazione e dell'aspetto mentale.
Un saluto.

blaso

movimenti offensivi non riguardano solo le punte, la cosa più complessa non è il movimento delle due punte, ma quello di dare una coralità al loro movimento, che deve essere supportato da difensori, centrocampisti e esterni. La coralità del movimento di squadra è la cosa più difficile".
Concetto che nn fa una piega !!!!

Al

Concordo, domani conta soprattutto la testa: concentrazione e calma e la partita è nostra, altrimenti si rischia di fre come il Milan.

mik

Attenti, prima o poi una il Benevento la deve pur vincere..

gallina

Io terrei particolarmente d occhio parigini che ha i colpi del grande giocatore ..

Aldo48Bo

Mik, basta che vinca la prossima!

semedela

mah, considerando che per fare un punto ha avuto bisogno di un gol del portiere potrebbe benissimo non vincerne una in tutto il campionato

Omar-il-Grigio

Concordo con Semedela: bisogna raddoppiare per 90 minuti le marcature sul portiere!

zico lecce

Oddo invece da persona intelligente ha capito che questo gruppo non gode di competizione sportiva,ma si avvale di una concorrenza sleale. Qui' c'è gente che si vede Riserva pero' si "sente" Titolare,con una Società che "nasconde" la Squadra per proteggerne i limiti cambiando continuamente allenatori,senza mai proclamare dichiarare un obiettivo se non solo attraverso il motto del "Si può dare...si puo' fare di più".

il cartaio

@zico lecce: intanto ti saluto con affetto.
Scusa se mi permetto di dissentire sul ragionamento legato al raggiungimento degli obiettivi, ma non mi trovo in accordo. A ben pensare, escluse le solite cinque, massimo sei squadre di vertice, non mi pare che, da altre piazze meno blasonate rispetto alle solite note, giungano chissà quali proclami. Lo stesso concetto di " sette sorelle ", è ormai roba dell'antidiluviano, e quando qualcuno prova a uscire dal coro, come il Torino dell'anno scorso con obbiettivi azzardati, rischia figuracce.
Non mi esprimo, invece, sulla tua riflessione legata alla Società anche perché meriterebbe un approfondimento serio in altro contesto e con tempi diversi: più che nascondere limiti, dico io, si vorrebbe trovare un allenatore che sappia strutturare un collettivo sportivo importante valorizzando gli sforzi della Proprietà su tutto il fronte. Ciò, ovviamente, alla luce del fatto che il rispetto di certi parametri economici è condizione necessaria per una realtà come la nostra.
Scusa se mi sono permesso di entrare nel merito, ma queste continue alternanze di conduzioni tecniche hanno portato più danno che guadagno e non volevano certe essere tese a coprire i limiti, bensì a trovare il bandolo della matassa in un ruolo, quello dell'allenatore, che valorizza non solo il " materiale " sportivo, ma, altresì, il lavoro di tante altre persone che ruotano nell'orbita e danno l'anima per il bene di questa Società e dei tifosi cercando di fare del proprio meglio. Magari e certamente anche sbagliando, ma sempre in buona fede.
Non ti rubo altro tempo se non per mandarti un virtuale, ma sincero abbraccio.

ziamariaiaiao-

puarmona

zico lecce

Mandi Cartaio, ,
5 allenatori sostituiti in 4 anni rappresentano forse un piccolo record per la Società che ha provato Sì a ripartire dopo il ciclo "guidoliniano" ma si è incartata in un matrimonio simbiotico, dove alcune idee scelte delle famiglia sono state impoverite quasi indebolite da una gestione commissionata alla distanza per cause di forza maggiore. Sono stati provati giocatori "medi0cri", sono stati ingaggiati missionari della panchina (Colantuono, Iachini, il compaesano), soltanto nella seconda parte della scorsa stagione si è potuto intravedere qualche risorsa a tutt'oggi "coltivabile". L'Udinese sono i Pozzo ci mancherebbe,forse sono mancati più loro che un allenatore ad oggi, sono gli unici che nel peggiore dei casi garantirebbero quantomeno un pasto caldo e un letto da campo per ogni giorno di serie A, e sempre nel pieno rispetto delle regole. Vero anche l'Udinese nella sua storia si è spesso autocertificata nei suoi campionati mai pubblicamente dichiarata. Principalmente nell'ultimo quinquennio non hanno mai impugnato la pratica ma soltanto valutata su alcuni margini di errore. Ricambio originalmente i saluti.

max70

Balic non Fofana

Axl Foolie

Massimo, Ma CHE te sei delnerizzato?!!!
"incontriamo una squadra estremamante organizzata che gioca un ottimo calcio e ha messo in difficoltà tanti avversari. Forse è la gara più difficile fino a questo momento." Sta cacchiata non se può proprio sentì.

Axl Foolie

intendiamoci, il resto del discorso lo apprezzo e condivido.
Forza Massimo! emoticon

Luganega

cosa doveva dire ... domani e' una passeggiata? a mio avviso ha fatto bene in modo da tenere alta la concetrazione ... il punto col milan li ha sicuramente caricati ..
Il Benevento ha subito piu' in casa che in trasferta e se ti guardi qualche spezzone di partita ti accorgerai che manca di qualità nei singoli ma non nel gioco ... va bene cosi ...usare la testa = voglio massima concentrazione

miki

si diventa forti a parità di qualità tecnica, creando la mentalità vincente, che si tratta tradotto:
- voglia di migliorarsi ogni giorno;
- mai sottovalutare l'avversario;
- sempre rispettarlo;
- mai avere paura;
- consci dei propri mezzi;

blaso

Axl semmai guidolinizzato 😂

abel_balbo

Tacchinardi commentatore Mediaset proprio non si può sentire...è vomitevole

ferrigiak1

lo dico per scaramanzia: attenzione alle controprestazioni, confermarsi è spesso più difficile che affermarsi. Ma se questa squadra gioca concentrata, umile ma senza complessi sono sicuro che farà bene. In bocca al lupo.

abel_balbo

Oddo e un Guidolin giovane.

Axl Foolie

Oddo è molto più simile a Spalletti (considerando Zaccheroni inarrivabile. emoticon )
oggi direi sulla linea di Di Francesco o Sarri.

selmosson

mandi abel , concordo . preparazione , voglia di fare .. sembra di sentire le sue conferenze ..

Bintar62

E parla pure un Italiano corretto...

Uafa81

Una conferenza stampa importante da parte di una persona che come concetto di allenatore è importante. Una lingua italiana importante.

Sul piccolo schermo

Conferenze stampa

Altri mondi

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Vita da Club