Home / Blog bianconeri / Quattro gare per un futuro tutto da decifrare

Quattro gare per un futuro tutto da decifrare

Scelta tecnica incomprensibile dopo una serie di rifiuti raramente verificatisi nella storia del club

Quattro gare per un futuro tutto da decifrare

L’Udinese ha scelto, o meglio, è stata scelta! Già, poiché via via, uno dopo l’altro, si è vista rifiutare la proposta di condurre una barca oramai alla deriva.

Stramaccioni il prescelto, si è visto negare garanzie tecniche e denari, GUIDOLIN (ter) recalcitrante in quanto memore del trattamento ricevuto, Ventura, non certo lasciatosi nel migliore dei modi diversi lustri fa, Mandorlini già in parola con la Cremonese, Delneri oramai sdegnato, Reja limitatosi al ruolo di gran consigliere del proprio secondo, TUDOR appunto, oltre a tutti coloro che hanno ritenuto superiore il rischio di bruciarsi ai meriti sportivi sentenziati da una possibile tribolata salvezza.

Se oggi, tra gli addetti ai lavori non ci si fida affatto della società bianconera e relativa proprietà, o si pretendono garanzie tecniche nero su bianco per accettare incarichi di merito, vien davvero da chiedersi come sia stato possibile regredire sino a tale misura. Oggi i talenti non maturano più a Udine, non c’è tempo, nè voglia di attenderli. Gli ultimi, Candreva, Cuadrado, Zielinski, Fernandes son dovuti partire per consacrarsi altrove giocatori di livello internazionale. Gli oltre 100 tesserati in giro per il mondo senza stelle, indicano inevitabilmente che le competenze stanno scemando e che il modello Udinese è solo uno sbiadito ricordo.

Incassati dunque rifiuti e dinieghi a palate, si è dovuto ricorrere ad un tecnico straniero, perdendo ulteriore identità nazionale persino in panchina, seppure il tecnico di Spalato si possa ritenere un discreto conoscitore del calcio nostrano, per aver avuto un buon maestro come Edy Reja. Va comunque ricordato che il gigante croato è reduce da una serie di esoneri di fila, prima in Grecia, poi in Turchia, causa risultati poco edificanti oltre a valutazioni sprezzanti nei confronti dei propri giocatori, tutte situazioni che inducono a sinistri presagi.

Igor TUDOR, 48enne spalatino che verrà supportato da un altro ex juventino come Max Juliano, in Italia è ricordato più per i trascorsi alla Juve, che per le gesta da allenatore di successo. Contratto sino a fine 2019 con opzione sino al 2020 da esercitare solo in caso di salvezza, altrimenti le strade si divideranno tra un mese.

Saltato dunque il valido MARAN per la stagione a venire, nonostante sembrasse per molti addetti ai lavori il tecnico più adatto a dare l’incipit al nuovo corso, garantendo un marcato segno di discontinuità rispetto alle 5 stagioni trascorse.

In merito alla lotta retrocessione, le rivali per fortuna, non stanno viaggiando a ritmi insostenibili, ma giova ricordare come i bianconeri con i 6 punti nel girone di ritorno, siano nettamente la peggior squadra del lotto. Ergo, 4 o 5 punti sarà necessario andarli a “trovare”. BOLOGNA all’ultima viene forse vista come ostacolo abbordabile, ma BENEVENTO -INTER - VERONA, rappresentano baluardi difficilmente espugnabili se testa e gambe non viaggiano al meglio. TUDOR tatticamente sembra prediligere il 4231 oltre ad aver allenato in passato il talentino di Spalato, Andrjia BALIC, presumibilmente l’elemento più gratificato dall’avvicendamento, nonostante la fiducia spesso accordatagli da ODDO. Con l’assenza di JANKTO immaginiamo un ALÌ più avanzato per un 4231 piuttosto abbottonato e un BARAK più vicino all’unica vera punta, LASAGNA. Dietro potrebbe ritrovare titolarità il belga NUYTINCK con STRYGER nel ruolo di terzino pronto a sganciarsi e SAMIR nel lato opposto per rafforzare fisicamente la difesa. BEHRAMI potrebbe affiancare BALIC in mezzo con disputa tra WIDMER (opzione difensiva), DE PAUL (offensiva) e ZAMPANO (tattica) come esterno alto a destra. Gara dunque estremamente complessa quella di Benevento contro una compagine e un tecnico che nel girone di ritorno stanno raccogliendo consenso e punti.

Il MILAN di Gattuso ne sa qualcosa dato il solo punto su 6 strappato ai campani. Mancherà il bomber Diabaté, un gigante alla Simy che sui corner avrebbe potuto dare fastidio in considerazione delle continue amnesie su palla inattiva. Non servirà giocare bene, serviranno solo punti, anche uno potrebbe bastare. Non si chiederà al tecnico di rinfrancare l’ambiente, ma di compattarlo perché la missione è ardua in considerazione del brevissimo lasso di tempo a disposizione. Forse non sarà arrivato nel momento migliore, forse la stima deve ancora guadagnarsela, ma da oggi è uno dei nostri. Merita tutto il nostro supporto e sostegno avendo deciso di rischiare, dimostrando da gran guerriero il coraggio che altri non hanno avuto, dunque - in bocca al lupo IGOR !

E infine consentite una considerazione nei confronti di mister ODDO, un allenatore capace che ha avuto il torto di arrivare nel momento sbagliato in una società che lo ha lasciato solo. Sì, vero, anche lui non è immune da colpe, ma i tifosi hanno compreso quanto si sia prodigato per raddrizzare la rotta. Nemmeno Orazio Nelson sarebbe riuscito a portare fuori dalle secche il vascello senza l’aiuto dei marinai. Un uomo intelligente che diventerà un ottimo tecnico, il tempo è dalla sua. Un plauso per le parole usate nei confronti di Udine, del suo tifo, dell’opportunità concessa. Un tecnico a cui auguriamo di cuore tutta la fortuna e i successi che si merita. Mandi Massimo, ariviodisi

167 Commenti
NonnoFausto

Io però mi chiedo con preoccupazione: cos'è cambiato rispetto all'anno scorso quando siamo rimasti in A con 38 punti e grazie a 2 rigori sbagliati da Mbakogu? Nulla, anzi, la situazione si è aggravata.
Cosa è cambiato da quando avevamo un ritmo da B e la società ha ingaggiato De Canio, oramai ex allenatore?
Il oroblema è che nom hanno più la testa o la competenza per ritornare all'Udinese di 5 anni fa. Hanno la mentalità da neopromossa, cindita da una avidità e spilorceria mai vista in serie A

Galactica

Ah Ah Ah e qualche anno che c'è profumo de B
ma questa volta si va... proprio ...

Satrapone

L'articolista dice"una serie di rifiuti raramente verificatasi..."
Ho la sensazione che solo i morti di fame abbiamo risposto, ma così morti di fame che sono disposti a rischiare la loro dignità....

Primiero bianconera

Bella questa foto me la salvo per la fine del campionato ! Dove hanno preso i due manichini che sostengono la sciarpa dell'Udinese? Non ricordo in quale negozio li ho visti!

pa170

Io non ho buone sensazioni. Spero che il benevento da retrocesso si sia un po' calmato. Certo non ci diranno grazie..li abbiamo mandati noi in b. Mi ricordo di aver visto benevento sampdoria qualche tempo,fa e la samp e' stata massacrata dal ritmo del benevento.

Jaff

È il fallimento di una società, di uomini non all'altezza, del pressappochismo che ha contraddistinto gli ultimi 5 anni.
A questo punto sarebbe meglio se veramente i pozzo si trovassero da cedere

tresesin

Abbiamo preso un altro perdente per continuare a perdere.
Meglio se mettono in vendita la squadra a qualcuno che possa investire per vincere come si fa di solito. Se vendi e basta per il puro guadagno non puoi andare da nessuna parte.
Insisto non serve cambiate allenatore ma comprare giocatori bravi e non venderli subito ma programmare un progetto a 2/3 anni.
DELUSO!!!

Axl Foolie

mi auguro la salvezza soprattutto per noi tifosi.
unico record di cui ancora possiamo andare orgogliosi è la permanenza consecutiva in serie A degli ultimi 25 anni, al pari solamente delle due milanesi e delle due romane.
per il resto la Proprietà meriterebbe la B... e senza il paracadute di €40 milioni!

Jaff

È il fallimento di una società, di uomini non all'altezza, del pressappochismo che ha contraddistinto gli ultimi 5 anni.
A questo punto sarebbe meglio se veramente i pozzo si trovassero da cedere

Grande Oliva

Premesso che non conosco Tudor come allenatore, non credo che chi ha allenato la Juve turca possa essere uno sprovveduto emoticon

kjarneix

emoticon

barbola

😂😂😂😂😂

Puliciclone

Probabilmente sono stati costretti al cambio perché' i giocatori avrebbero continuato a NON giocare........ ( A Benevento torneranno a giocare..)
Gino dice che hanno capito dove stanno gli errori, per cui mi aspetto a Giugno la cacciata di Maxi, Samir, Perica, Danilo ed altri oltre a Cinello, Miano e di tutto lo staff fisso dell'Udinese che Oddo aveva allontanato e che naturalmente da subito ha remato contro alla grande. Della serie , arrivi , fai il figo dopo le vittorie , allontani quelli che e' anni che lavorano qua.... e non vuoi pagarla cara?
Era ed e' diventata una società' STATALE! Tutti Si coalizzano quando uno arriva e vuole cambiare le cose........ Manca la presenza del Paron.... quello che al bar sta' alla cassa e controlla tutto e tutti.

Bepifurlan

Completamente d'accordo furparfur. L'argentino sanzionato e in tribuna (tanto non fa alcuna differenza se scende in campo).Cul paròn chist no saress stade cussì...

furparfur

che 2 facce.....proprio zerbini aziendali....appaiono solo in questi momenti e poi si nascondono. devo ancora sentire un provvedimento nei confronti del brocco argentino che invece di ringraziare per l opportunità di giocare ha il coraggio di insultare ODDO...ma dove pensiamo di andare con questi? puar PARON ti han disfat dut ce che as fat!

DO UT DES

X la partita con l'Inter preferirei ke la curva al momento della chiamata dei giocatori,nn scandisse il loro cognome ma facesse un silenzio assordante...

Bepifurlan

Approvo al 100%

Axl Foolie

sarebbe il minimo.

Bepifurlan

emoticon

Klaus17

Buonasera a tutti. Penso che la responsabilita' di questa situazione sia di tutti. In primis i giocatori che vanno in campo. Certo e' che l'immagine di Oddo a fine partita con il Crotone era sconsolata. Guardava per terra, chiara immagine di chi non sapeva piu' che fare... Quindi scossa e ripartenza, speriamo.... Tudor ? Non grande esperienza, ma lasciamolo lavorare e poi daremo giudizi. Anche Oddo veniva da Pescara senza aver mai vinto una gara in A...poi ne ha vinte 5 di fila.... che dire .. aspettiamo sperando che arrivino presto i punti salvezza... e un saluto a tutti....

Sul piccolo schermo

Conferenze stampa

Vita da Club

Altri mondi

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio