Home / Blog bianconeri / La sindrome di Peter Pan

La sindrome di Peter Pan

Cambiano allenatori, giocatori e moduli, ma l'Udinese commette sempre gli stessi errori

La sindrome di Peter Pan

Dopo anni di delusioni e un cambio tecnico alla settima giornata, si sperava che l'Udinese fosse finalmente indirizzata verso nuove certezze. Invece c'è ancora da tribolare: questo ha detto la sconfitta di Cagliari. L'Udinese non riesce a trovare continuità, conferme: cosa che accade ormai da tempo. Anzi, per motivi vari, l’Udinese nella sua storia non c’è mai riuscita, è sempre mancato quel quid, quel salto di qualità che portasse i bianconeri da sorpresa a certezza.

Analizzando la storia recente dell’Udinese, ovvero da quando è continuativamente in Serie A, si può notare come il ciclo vincente non sia mai durato più di tre anni, e che qualsiasi ciclo vincente non abbia poi portato a miglioramenti intrinsechi nella struttura di squadra e di società, ma anzi, al minimo segnale di rottura dell’equilibrio, si sia tornati a perseguire modelli legati ad un passato meno roseo con sempre maggior rapidità.

Ad esempio, alla fine del triennio Zaccheroni, con annessi 10°, 5° e 3° posto in classifica, si è passati per cinque allenatori in cinque stagioni prima di approdare al nuovo ciclo vincente targato Spalletti. Alla fine di quel dorato periodo, però, in due anni si sono affaccendati quattro allenatori più o meno competenti, contando come una unica entità il duo Sensini - Dominissini. E mentre tra Marino e Guidolin c’è stato solo un interregno di tre mesi di De Biasi, tuttora stiamo attendendo il ciclo post Guidolin.

Ma il dato ancor più preoccupante è che ora l’assenza di continuità si può notare non solo di stagione in stagione, ma anche nel corso della stessa annata. Basti pensare al primo anno del post Guidolin, quando Stramaccioni in veste di principe azzurro con tanto di cavallo bianco, si presentò per salvare la principessa Udinese dal mostro dell’incertezza sul futuro. E l’avvio dell’annata sembra proprio essere una favola, con tredici punti in sei partite, condite da epiche imprese contro Napoli e Lazio. Ma poi il destriero si rivela essere un ronzino, disarcionando il suo cavaliere che diventa da azzurro a marrone fango. E l’Udinese cade con lui, rischiando la retrocessione.

Dell’anno dopo, meglio non parlare. Ed arriviamo ad oggi, con Delneri, già secondo allenatore della stagione, che ha sulle spalle le sorti della squadra. Ma anche lui deve scontrarsi con i soliti errori, le solite distrazioni e le solite incomprensioni, nascoste dietro una consuetudine di cui nessuno vuol prendersi le colpe. Difensori smemorati che dimenticano chi siano compagni ed avversari, pigri centrocampisti che non inseguono nessuno ed attaccanti che perdono il pelo e pure il vizio di segnare. Certo, si dirà, con il Napoli era difficile vincere. In altri momenti però, il Napoli aveva paura di scendere al Nord, nell’aspro Friuli, da cui ricavava solo delusioni e sconfitte. E non parliamo poi del peggio visto a Cagliari...

Ora dal Friuli o Dacia Arena, chiamatela come volete, l’avversario ha sempre la speranza di uscire con punti, perché l’errore tattico, tecnico, psicologico o fisico ci può sempre essere, basta solo attendere il momento buono e farsi trovare pronti, proprio come Insigne sul perfetto passaggio di Silvan Widmer. Ma anche nei momenti più rosei della storia recente dell’Udinese, è sempre mancato quell’accento, quel puntino sulla i, quel rigore che magari era meglio non tirarlo a cucchiaio, per trasformare un sogno in una realtà, un puro estatico momento in un lasso di tempo più lungo e strutturato.

Sembra impossibile, nonostante proclami materni e dindiats che sgarfano, vedere a Udine una serie di risultati positivi, ed impedire ai tifosi di ripiombare nell’oscuro mutismo da pessimo gioco. Giocatori privi di passione? Allenatore poco motivante? Società lontana ed incapace di trasmettere i valori che la maglia friulana dovrebbe tramandare? Tutti questi e contemporaneamente nessuno. Ma intanto gli errori rimangono, e limitano fortemente lo sviluppo dell’Udinese, impedendo qualsiasi salto di qualità.

Articoli correlati
103 Commenti
Le gemelle

Ho una curiosità: perché si accusa Fulvio di essere milanista?

Io stesso accuso est di essere interista ma solo perché il traditore ha scritto su questo blog " forza inter" prima della sfida (persa) coi nerassurdi

semedela

perché ogni volta che gioca il milan sul blog non c'è traccia di felletti vari...

fulviofellet

Hahaha.......qui c è il comandante straker per questo emoticon.....povero semedela ridotto a denigrare anche me emoticon

est.1896

Ho scritto anche Forza Lazio e Forza Torino se è per quello; tutto purché dopo l'ennesima figura di m... cacciassero Colantuono, il fenomeno preso dal tifoso del Watford vostro idolo, cogl.oncello...!
Gemelle, sai che, al di là delle battute di rito, siate veramente stupidi ed intellettualmente molto limitati...? Da un Forza Inter polemico, tirate fuori quella è sempre quella....siete dei poveretti!

Le gemelle

I pozzo piacciono oppure no.
Si possono apprezzare, ringraziare, criticare o detestare.
Ma bisogna indicare un'alternativa plausibile prima di gradare "andatevene".
Alternative REALI non ipotesi Red Bull o voci simili.
Quali proprietà tra quelle che amministrano società di serie A e B vorreste a Udine?! Quale potrebbe fare meglio dei Pozzo? Chi investirebbe a Udine?

ziamariaiaiao-

a udine, uno investirebbe solo te

ziamariaiaiao-

coglion.ne

ziamariaiaiao-

l'unica alternativa da indicare per la tua fottuta vita è: gettarti dal viadotto

fulviofellet

....
Direi che questa feccia di tifosi ...non aiuta ad attrarre investimenti....fortuna che c è lo sta*** nuovo

ilcontebianconero

Pa se trovi un link sul grattacielo soddisferesti una mia curiosità.
Anche perchè in primavera ho in programma un viaggetto in Catalogna!

ilcontebianconero

Comunque ringrazio Zinne pa e tanti altri per il confronto sulla holding moderato e ragionato cercando di evitare i soliti partiti presi e le solite argomentazioni sul personale.

Grazie mille ragazzi.

Pilunsky

Zico: “Spero che l’Udinese un giorno lotti per lo scudetto”

“Spero che la società non si limiti all’acquisto di buoni giocatori per poi venderli e realizzare profitti, ma un giorno di formare una grande squadra che lotti per lo scudetto”

chissà se i soliti noti concordano con questo signore

semedela

ma scherzi??? è chiaramente un tifoso da bar!!!

fulviofellet

Tutti concordano .....ci mancherebbe altro!!!!....anche i tifosi della Salernitana Padova Venezia Parma Pisa Cosenza Catanzaro Messina Spal Triestina Treviso Novara Alessandria Verona ecc ecc ecc lo vorrebbero......ma se non fai plusvalenze le piccole reggono un paio d anni e poi vanno a giocare col tamai. Noi se la rb ......apporta come soci... capitali per fare business (gli può interessare un investimento in negozi nello sta*** Friuli??)lasciando naming e storia....può farci fare il salto di qualità ( ma vedendo cosa fanno in giro per il mondo ...la vedo difficile).

fulviofellet

Semedela ....tu NON sei un tifoso da bar....TU NON SEI UN TIFOSO DELLA UDINESE ...TOUT COURT

RobRoy33

io spero solo di non essere il Granada

lex

Assolutamente fulviofellet. Ma su una cosa non concordo, fare plusvalenze non vuol dire automaticamente crescere. Cioè se c'è l'hai piccolo anche facendo un casino di soldi resta piccolo. Però oggi ci sono possibilità per allungarlo. Il problema è che per allungarlo devi rischiare qualcosa, investire un po' di soldi ed essere disposto a comprare creme costose per curarlo dopo l'intervento fino a che sta in piedi da solo. Però è fattibile se i soldi ci sono e se c'è la volontà di farlo.
Io comunque problemi di questo genere non ne ho. Per questo ringrazio ogni giorno madre natura e cerco di essere generoso con te e perdonarti per le balle che racconti nel blog.

ilcontebianconero

Lex queste allusioni sono più sibilline di un discorso di Fulvio.
Sono curioso per la sua risposta.
Sempre se riuscirà a leggere fino in fondo prima che gli parta l'embolo come fa ogni volta!😯

semedela

io sono un tifoso dell'udinese. vero. non sparisco quando gioca il milan. tu sei solo un contaballe

fulviofellet

Grazie lex per il tuo contributo emoticon.......vedi che se non parli di calcio puoi essere utile anche tuemoticon......potresti darmi una ricetta per un risotto ??? Grazie mille lex emoticon....cordialitàemoticon

fulviofellet

......semedela......ormai le tue frustrazioni ti fanno vedere cose immaginarieemoticon.....vai fa uno bravoemoticon.......vai dal tuo amichetto ed straker noto trappoler milanista......poi cacciato......e chiedigli info in meritoemoticon

mfelpus

Considerazioni giuste ma è inutile guardare indietro. Ora un ottimo allenatore ce lo abbiamo e per me del neri vale il trio delle meraviglie (Zac guido e spalletti), la squadra manca di qualche leader carismatico e bandiera (quello che erano Pinzi Sensini Bertotto Calori Totò Domizzi) e purtroppo Felipe Danilo non lo sono. Non vogliono restare a udine!!! Eppoi una Società che rispetto a 10-15 anni fa è più disinteressata e presente. Con Del Neri ora va creato un gruppo solido, a gennaio via le mele marce e acquisti mirati e vorrei il paron più presente pronto a riprendere in mano il comando della Società.

est.1896

Gino è la rovina di questa società e di questo ambiente. Quando si toglierà di mezzo rinasceremo e si ritroveremo l'orgoglio e l'unità di un tempo.

Finché rimarrà lui saremo sempre in mano ad un presidente che tifa Napoli e di un proprietario che tifa Watford; l'Udinese di conseguenza potrà essere solo una succursale o il salvadanaio...

Greta

Errore Gino tifa Juve.emoticonemoticonemoticon

fulviofellet

....le solite frasi dal 2012....solite..frasi stantie.....le solite frustrazioni.....nessuna vuoi per lo sta*** la serie A i giovani .....una persona vuota

fulviofellet

Nessuna gioia

est.1896

Sei in errore FulvioPajasso! Per lo sta*** ho più volte ringraziato il Parón, come pure per i suoi anni come leader maximo; col figlio, dal 2012, è tutto appassito e l'ambiente depresso, il calcio morto, così la passione.
Comunque io esprimo i miei pensieri, ed in fondo siamo arrivati là dove avevo previsto quattro anni fa, tu ti limiti a criticarli ma non hai argomenti.

Spiegaci ora i vantaggi di questa holding per l'Udinese; da quando esiste è una lenta ed inesorabile discesa, un'agonia, leggermente risollevata adesso un po' dal friulanissimo Gigi; non ha portato neanche benefici economici, mi sembra, visto che possiamo permetterci allenatori e giocatori sempre più me***cri, a differenza del Watford, unico vero interesse di Gino.

fulviofellet

Ti dico solo una cosa......SERIE A

Cattaneo

Grazie Mbakogu

blaso

Articolo giusto. Gli avversari affrontano l'udinese con la speranza ormai che prima o poi per 5 o 10 minuti nel corso della gara arriva il Black out da parte di qualcuno che regala loro i 3 punti.
Sul fatto della continuità dei cicli vincenti...quella è difficile da riscontrare anche nelle metropoli (vedi Milan Inter Roma Lazio etc ) figurarsi in provincia.

Greta

pa 170
il male dell'udinese è stata la crescita del gruppo dal punto di vista imprenditoriale, con l'internazionalizzazione di strutture e interessi, non abbinata allo sviluppo di una struttura manageriale. la volontà di continuare a mantenere una configurazione di stampo familiare ha creato tutti i problemi che sono poi emersi. cose che mi è già capitato di dover affrontare anche nel mio lavoro, ma quando c'è una linea di voler fare tutto "in casa" purtroppo succede. quello che accade sul campo è in gran parte conseguenza di questo e i pozzo lo sanno molto bene.
vanno individuati collaboratori capaci, come può essere bonato, fidarsi di loro.
basta "pipinotti", come che si dis in furlan...

emoticonemoticonemoticon UNA SACRO SANTA VERITA', SEI RIUSCITO A CONDENSARE IN UN POST IL PRIMO CAMBIAMENTO CHE AVREBBERO DOVUTO FARE.
CHIARO CHE ES: Marino P.P, Direttore Generale, Capo Osservatori, Direttore di sede, Accompagnatore vero, Capo ufficio stampa costerebbero cifre stratosferiche rispetto a quello che pagano gli attuali reggenti di quelle poltrone, con tutto il rispetto per le persone parlo solo di soldini.

fulviofellet

Lo stesso marino ...
Insultato dagli ultras e tifosi vari....e costretto ad andarsene????

Rivud

Il tifoso me*** non ne capisce molto più della società, leggendo quanti qui esultano quando salta un allenatore...

fulviofellet

....beh mancherebbe solo non fosse cosìemoticon

ilcontebianconero

Volevo intavolare una discussione sulla holding e su quanto fosse legale o onesto o giusto o sbagliato fare imprenditoria con il calcio, inteso come investimento e gestione in un parco di giocatori, E SIMULTANEAMENTE gestire delle squadre di calcio. Secondo me sono questi gli aspetti in forte contraddizione e probabilmente fanno parte di quella zona grigia a livello di legislazione sportiva e non solo.
Un po' come per le televisioni di Berlusconi negli anni 80, questo stato di cose va bene a più di qualcuno e i Pozzo forniscono soltanto un servizio.

Ma dopo aver letto qui sotto interventi moderati, ponderati ed intelligenti di zinne, gikappa e pa e (pochi) altri non credo sia più necessario.
Grazie ragazzi per la bella discussione.

ilcontebianconero

Volevo intavolare una discussione sulla holding e su quanto fosse legale o onesto o giusto o sbagliato fare imprenditoria con il calcio, inteso come investimento e gestione in un parco di giocatori, E SIMULTANEAMENTE gestire delle squadre di calcio. Secondo me sono questi gli aspetti in forte contraddizione e probabilmente fanno parte di quella zona grigia a livello di legislazione sportiva e non solo.
Un po' come per le televisioni di Berlusconi negli anni 80, questo stato di cose va bene a più di qualcuno e i Pozzo forniscono soltanto un servizio.

Ma dopo aver letto qui sotto interventi moderati, ponderati ed intelligenti di zinne, gikappa e pa e (pochi) altri non credo sia più necessario.
Grazie ragazzi per la bella discussione.

zinne

il punto è uno, nessun imprenditore (e mi ci metto anch'io) investe per rimetterci, piuttosto si fa beneficenza, quella vera per chi ha veramente bisogno.. quindi anche nel calcio, chi più o chi meno, soprattutto se lo intraprendi come la tua professione, l'obiettivo di un'azienda che opera nel calcio è quella di fare utili, come in tutte le aziende...
Comprare e vendere giocatori e la gestione degli stessi fa parte del gioco, altrimenti il calcio dovrebbe fermarsi in serie D e gli stipendi dei giocatori dovrebbero essere quelli di un operaio, ma qui entriamo in un altro argomento..

zinne

...prendi anche l'NBA dove ci sono fior fior di investitori che investono e che, naturalmente vogliono vedere i frutti dei loro investimenti..

ilcontebianconero

Zinne sono d'accordo sul discorso che fai su gli imprenditori e riguardo ai pozzo la pensavo anch'io così.
Ma ragionandoci meglio capisco che per molti il problema nasce sulla holding legata al calcio.

Quasi tutti coloro che investono nel calcio hanno un'attività esterna e la prendono come un "hobby" (il pessimo caso moratti) o per farsi pubblicità (come dicevi tu della RB).
Agenzia e multinazionali gestiscono giocatori.
Solo i pozzo gestiscono entrambi glo aspetti, squadre e giocatori,facendo imprenditoria nel calcio, ovvero vivono e guadagnano esclusivamente di quello.

Bravi ok, ma è un'anomalia o quanto meno una novità a livello mondiale.
Per questo ho citato Berlusca, per hè negli anni 80 lui fece lo stesso con le tv.

fulviofellet

.....vorresti fare come loro eh??emoticon....inizia a portare il San Gottardo in seconda ......per vedere quanto è facile emoticon

zinne

E' un anomalia e una novità a livello italiano, soprattutto nell'NBA dove le entrate sono esorbitanti rispetto alla serie A, chi possiede le società fa dello sport e business allo stesso modo... A mio avviso, chi ha gestito società solo per passione, senza vedere all'aspetto economico... ha poi dovuto rinunciare al giocattolo quando le perdite iniziavano ad essere importanti... ecco perchè io preferisco uno che guadagna e che porta però avanti un progetto a me*** e lungo termini anche con alti e bassi, piuttosto che investimenti megagalattici e poi lasciare le rovine..

fulviofellet

Zinne.....stai dicendo cose troppo razionali......non le capiscono

zinne

..esempio.. Moratti ha vinto il triplete e tutti i tifosi interisti lo adorano perchè ha investito anche quello che non poteva per vincere... poi, ha dovuto vendere e se non sbaglio ha venduto con 300 milioni di debiti e perdite a bilancio inaudite... oggi l'inter è quella che è perchè non ha più potuto riprogrammare soprattutto per motivi economici (non solo) lasciati dalla gestione Moratti... Ma, tutti i tifosi interisti farebbero la statua a Moratti...

ilcontebianconero

Zinne so benissimo che negli USA si fa.
Ma ricordati che là storia naming colori ed altro molto spesso vengono cancellati dagli sponsor con un colpo di spugna. Perchè è il regno del business.
A me, come ho ripetuto, non fa nè caldo nè freddo.
Ci sono cose più importanti nella vita dello stemma nobiliare di una famiglia veicolato da una squadra, che vengono cancellate quotidianamente dall'avanzare della globalizzazione. Poi tutti sono liberi di pensarla diversamente.
Poi tu fai i discorsi più seri, e punti molto di più sulla programmazione e sulle possibili conseguenze di un proprietario legato a sole logiche di marketing, che condivido.
In ogni caso in Europa è un po' diverso che in America ed infatti hanno trovato qualche problemino anche in Spagna. Poi magari va a finire tutto in una bolla di sapone.
Ma anche Berlusconi ebbe le prime crepe del suo sistema in Spagna con Telecinco se ricordo bene.
Come vedi non ho fatto l'esempio a caso.

zinne

Le beghe le hanno tutti... Il discorso Granada è un po' diverso comunque..

pa170

direi che un passaggio di un intervista del ceo del watford (pure quello un ceo senza piume) ci fa capire che stanno covando qualche operazione triangolare a gennaio.
uno scambio gabbiadini deeney ad esempio

pa170

mi disturba vedere che si creano dei rapporti in cui l'udinese è sempre un subordine. prima viene qualcuno e qualcos'altro

la logica imprenditoriale è sacrosanta, ma nel calcio la componente tifosi vive anche di queste cose e non si può pensare di andare avanti facendo finta di nulla

fulviofellet

....non un giocatore , non un allenatore del Watford vorrei a Udine

pa170

gestione in subordine fulvio...gestione in subordine...... poi possono comprare pure messi e cr7....... ma non gestioni in subordine....

ilcontebianconero

Pereyra fa schifo eh?

Ma a Del Neri non serve. È difensivista.

ilcontebianconero

Pa info sul grattacielo a Barcelona?
Non fare il sibillino come Bentusaichi!😉

zinne

Pa, Gabbiadini qui non verrebbe.. gli ingaggi che la premier può offrire non sono comparabili con quelli che può offrire l'udinese, Gabbiadini ha un ingaggio il doppio di quello di Totò dei tempi migliori... So che può dar fasti***, ma siamo realisti.. l'udinese deve continuare per la sua strada di scovare giovani talenti, con o senza Watford, la sua politica è e rimane quella,.. Ora, non fate di cuovo commenti "se ci fosse Redbull..."

pa170

zinne gestione in subordine

pa170

sarà sempre là a meno che non gli abbiano messo le ruotine e l'hanno spostato

barpawer

Dai Conte, l'avrai capito anche tu che era una cagata... emoticon

robertigno

Fellet: perchè Kums di chi è? e Penaranda?

pa170

bar leggi i giornali....
come sempre sei disinformato "a comando"

tobanis bis

Cambiano i giocatori....a me sembra che dietro abbiamo sempre quelli, forse se li cambiassimo veramente...Con Benatia avevamo la sesta difesa del campionato: l'abbiamo venduto e siamo subito diventati la 14ima difesa del campionato.

Un caso? Macchè.
Un giocatore non può fare reparto? Ma dai, che scemenza.

cianfa

se Gino negli ultimi due anni fosse venuto più spesso a vedere l'Udinese dal vivo si sarebbe reso conto che bisognava mandare via qualcuno in più...
io non discuto che almeno imprenditorialmente all'Udinese ci tenga ancora, ma sta delegando scelte a dirigenti o allenatori che le sbagliano... e giustamente se ne vede poi attribuita la responsabilità.
Per fare il proprietario di due squadre al massimo delle potenzialità dovrebbe quanto meno dedicare alle stesse un tempo equivalente. Forse l'unico che poteva sostituirlo a pieno a Udine era Pierpaolo Marino... ma probabilmente Gino non accetterebbe una figura così importante in società.

ilcontebianconero

Vabbè Tobanis adesso mi dici che sbagli avrà mai fatto in carriera Danilo170golin3anni?

Vuoi denigrare il Buon Capitano?

Gikappa13

Caro FF, sono un tifoso vero e ti rispondo per cortesia. Sono più giovane di te ed il Casale non lo ho visto. Ma ho visto sia Licata sia Barletta in B nei miei 23 anni filati di abbonamento che ho dovuto interrompere perché non abito più a Udine. E sono grato ai Pocjos per quanto fatto fino a una manciata di anni fa. E per lo sta***, si intende. Ma, ti domando, se si deve rifondare vuol dire che qualcosa è andato storto? Capita anche ai migliori come dici tu. E ricostruire non è mai facile. E qui casca il caco: dov'è la programmazione, quella che ci ha fatto grandi fino a qualche anno fa? E la società dov'è finita? Sì, proprio quella che ci ha fatto grandi. Analizzare gli errori fatti aiuta a non commetterne più, penso, e ricordare i fasti passati fa piacere ma non aiuta a ripeterli. Sempre forza Udinese e sempre disposto a bere un taglio assieme. Mandi

fulviofellet

Mandi.....come ti dicevo guarda quanti milioni di euro e quanti anni sono stati necessari a Juve e Milan.....non avevano programmazione ? .....sono degli stupidi? ..........no e' difficile.....soprattutto se devi fare a meno di un certo Toto' ( da alcuni qui denigrato ) . Io invece vedo uno sta*** fantastico, una rosa di giovani (anche) da aspettare.......ci vuole lavoro e pazienza .......dopo 30 anni di soddisfazioni......credo si possanopassare due campionati 2014/2015 2015/2016 in sordina.......o no?

Gikappa13

Sono entrato qualche tempo fa nello sta*** vuoto ed è stata una emozione. Da buon tifoso da bar credo di non avere mai mancato di rispetto a Di Natale (che reputo un super campione, molto più campione dei coglioncini preoccupati della pattinatura...) e sono sinceramente preoccupato dell'assenza e della distanza societaria che percepisco. Da tifoso da bar si intende, quello che mette il dito negli errori commessi. Ma che crede che alcuni dei giovani in rosa faranno bene e che Gigi saprà valorizzare. Taglio sempre pronto. E ri-mandi

fulviofellet

ok gi kappa!!

zinne

credo che la verità stia esattamente in mezzo alle vostre due opinioni... E' vero come dice Gikappa che negli ultimi anni si è risentita maggiormente la distanza da parte di Gino e questo ha combaciato con la ricostruzione di un ciclo che appartiene a tutte le società di calcio, perchè anche chi dispone di capitali elevati fa sempre difficoltà a ricreare un ciclo, ad esempio sono più che convinto che la Juve quando arriverà il momento che Buffon, Chiellini e Barzagli appenderanno le scarpe al chiodo e Bonucci avrà 35 anni, anche se dispone di di enormi capitali, chiuderà il suo ciclo e farà molta fatica per qualche anno..
Bisogna però ammettere che questo è un passaggio normale e che comunque dei giovani interessanti e di valore in squadra ci sono, sostituire Totò non è semplice per due motivi.. 1) perchè di Totò Dinatale oggi non ne vedo per qualità e carisma, 2) perchè totò fece una scelta di vita, oggi quanti attaccanti forti sposerebbero Udine rifiutando una big?? Vivere nel glamour delle grandi città e ai milioni degli ingaggi?
Le difficoltà ci sono, ma da tifosi vanno capite e non disprezzare o ancora peggio riempire di offese chi c'ha dato l'oppurtunità di vedere l'udinese ad alti livelli! Gino compreso, visto che il mercato dell'udinese da 15 anni a questa parte lo ha seguito lui...

semedela

Non ti preoccupare. Il casale non l'ha visto nemmeno lui

fulviofellet

.....semedela ......non mi da fasti*** se hai bisogno di crederlo emoticon .....se ti fa bene psicologicamente pensarlo ...fai pure ......non mi da' fasti*** emoticon

Pilunsky

Zico: “Spero che l’Udinese un giorno lotti per lo scudetto”

“Spero che la società non si limiti all’acquisto di buoni giocatori per poi venderli e realizzare profitti, ma un giorno di formare una grande squadra che lotti per lo scudetto”

semedela

non è che lo credo. lo so. è molto differente la cosa...

fulviofellet

Credi di saperlo.....nella tua testolina...

Sul piccolo schermo

Interviste esclusive

Coppa Italia

Vita da Club

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi